Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

martedì 20 giugno 2017Aggiornato il:

Quel bisogno fisico di vedere il mare

Titolo: Friccheggiare al mare. 
Sottotitolo: Cronaca di una 24 ore di follia.
Avvertenza: La gradazione alcolica di questo post è molto elevata, si sconsiglia la lettura ai minori di 18 anni e agli astemi.


Metti una mattina in cui ti alzi presto perché il caldo non ti fa dormire.
Vai sul balcone in cerca di una frescura che non c'è.
Guardi il panorama dal balcone e pensi che sarebbe bellissimo se ci fosse il mare al posto dei palazzi.
Immagini. Mare. Non fai in tempo a ripetere la parola mare che sei già in macchina.
Via dall'afa, dallo smog, dai pensieri.

Nessuna meta in particolare, ci ritroviamo a Spotorno praticamente per caso, e si rivela una scelta molto ma molto fortunata.

Il bisogno fisico di riempirmi gli occhi di blu


Sul lungomare l'odore delle fritture di pesce ci da il benvenuto, abbiamo famissima, troviamo un ristorante che mi ispira e ci accomodiamo davanti alla vetrata sul mare. Si sta benissimo, i camerieri sono simpatici, il cibo è ottimo, il vino va giù che è un piacere. L'acqua del mare ha un bel colore blu, è trasparente, ne avevo davvero bisogno.


Il ristorante sul mare, con vetrata e balconcino.



Il lungomare di Spotorno 

Fritturina, per trattarci bene.

Grigliata mista, per trattarci bene 2 la vendetta.


Un giretto nel centro storico e poi in spiaggia, nello stabilimento che avevamo adocchiato entrambi, perché sapevamo che era quello giusto. Un po' come il detto che chi si somiglia si piglia, i posti (e le persone) che ci piacciono li notiamo subito. Se poi son matti, e questi lo sono davvero, è subito amore. A colpi di bicchieri offerti arriviamo a sera che siamo già della famiglia. Certo è che non siamo proprio nella condizione adatta a guidare fino a Torino, e detto tra noi voglia di tornare a casa zero, quindi che facciamo? Io voglio fermarmi qui. No problem, una telefonata, ve lo troviamo noi il posto per dormire, non andate via così ci rivediamo domani.

L'albergo è tra i più brutti della storia, la matrimoniale sembra la camera della nonna, con tanto di lampadario a gocce e pavimento stile pianerottolo anni 70. Però c'è il balcone, un letto e la doccia, direi che basta e avanza. Va detto che non mi sono portata neanche un cambio, ho giusto lo spazzolino da denti, ma solo perché lo tengo sempre in borsa. Fricchettoni modalità on.

Il centro di Spotorno

Bouganvillea

Gente allegra (e anche troppo)


Dopo un pomeriggio così sobrio direi che è ora di un aperitivo, e dopo l'aperitivo forse è il caso di mangiare qualcosa. Optiamo per un pub, dove mi arriva un piatto di troffie (qua usano due effe) al pesto che digerirò dopo tre giorni ma buonissime. Tra una chiacchiera e l'altra la birra va giù che è un piacere e mi accorgo se s'è fatta una certa perché ci siamo solo più noi e i ragazzi stanno ritirando i tavoli. "Se dovete chiudere ce ne andiamo". Ci portano altre due medie, "queste le offriamo noi, state tutto il tempo che volete". Non so com'è che oggi sono tutti così gentili con noi, fatto sta che finisce che ce ne andiamo tra salutoni, baci, abbracci e arrivederci.

Capisci perché non me ne voglio andare?

Persino l'aperitivo mi sembra più buono

Una porzione più che abbondante. Buona, a metà stavo scoppiando.


Giriamo l'angolo per tornare in hotel e mi accorgo di avere bisogno di un bagno (chissà come mai). Toh! Il bar dell'aperitivo è ancora aperto. Tra una cosa e l'altra chiacchieriamo col barista e faccio amicizia con la cameriera, e finisce a baci e abbracci anche qua. Le cose sono due. O la gente di Spotorno è particolarmente espansiva, o siamo particolarmente simpatici noi. Perché una cosa del genere non si spiega.

Comunque, dopo aver tirato giù pure la serranda del bar, e non essendoci più locali aperti, non ci resta che andare a dormire.

La mattina Lore mi sveglia prestissimo, io sono un po' rimba ma mi preparo in fretta (e te credo, sono con la stessa canottiera da ieri, non devo neanche vestirmi) e scendiamo. La proprietaria dell'albergo si rivela un personaggio molto interessante. Se avessi il dono della scrittura sarebbe il soggetto perfetto per un racconto. Ci offre un Nescafé e dopo qualche chiacchiera ci salutiamo.

Il cortile dell'albergo, carinissimo e accogliente (se escludiamo le due statue inquietanti lì in fondo).
Scherzi a parte, è stata un'ottima sistemazione, pulita, comoda ed economica.

Colazione in spiaggia, ci metterei la firma potessi farla tutti i giorni così.


In spiaggia ormai siamo di casa, cappuccino e brioche, giornale, e si ricomincia a ridere.
"Volete per caso un bicchiere di vino?" Allora, va bene che voi siete abituati e qui funziona così, ma sono le nove e mezza del mattino! E niente, andare via è stata dura, e non me ne sarei nemmeno andata se non avessi un gatto a casa che ci aspetta. Che a 16 anni non ha ancora imparato ad aprirsi le scatolette da solo. 

"Non voglio che ve ne andate". Eh, sapessi noi.



Ps Della serie "Come passa il tempo quando ti diverti". Ero stata a Spotorno da bambina, in colonia dalle suore, mi ero fatta tanti amici ma ho ricordi terrificanti e in generale ho sempre associato questa località alla grande bruttezza. Per fortuna, anche se a distanza di parecchi anni, ho potuto modificare in meglio il ricordo di questa località. In questi due giorni non solo ho notato che il centro è davvero carino, ma ho avuto la conferma che i liguri sono simpaticissimi e un po' matti. O forse eravamo solo predisposti a fare nuove amicizie e siamo riusciti in un amen a farci voler bene. Comunque, una notte è troppo poco per pensare anche solo di poter staccare la spina. Appena ho due giorni liberi ci torno. Ma magari prima sistemo il gatto.

Pps nessun GattoSandro è stato maltrattato in questo post. Al nostro ritorno era in ottima forma e rompiballe come al solito.


Buona estate a tutti.

28 commenti:

  1. Mi hai fatto venire una voglia (e una fame...) con questo splendido reportage...
    Io poi, lo sai, sono uno che Mare lo scrive sempre con la maiuscola... :)
    Un abbraccio a Te e una carezza al micio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Mare la maiuscola se la merita davvero.
      Ricambio l'abbraccio ♥

      Elimina
  2. È un piacere risentirti! !!!!
    Buona estate anche a te!

    RispondiElimina
  3. La potevi mettere una foto dell'albergo, però! Mi ha incuriosito la sua bruttezza :)
    Spendido resoconto, hai descritto ciò che in effetti mi manca da un po': il mare. Ma intendo proprio villeggiatura, passeggiate, odori.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per questo non ho nemmeno inserito indirizzi e indicazioni, come in genere sono solita fare. Custodisco gelosamente il segreto (e le foto) ^_^

      Elimina
  4. Ecco, voglio esattamente dei giorni così.

    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pretendili Alice. Sono una botta di vita (momentanea, ma piacevole).

      Elimina
  5. Io non sono un'amante del mare, ma un po' di voglia l'hai fatta venire pure a me

    RispondiElimina
  6. Oh, quanto avrei bisogno di due giorni così: spontanei, accampati e caciaroni, pieni di mare e di sole! Mi hai fatto venire voglia di uscire dal lavoro, prendere la macchina e andare :)

    RispondiElimina
  7. Io giuro che mentre leggevo pensavo "ma Sandro?" 😂😂😂😂 Fuffi, al suo posto, avrebbe chiamato gli assistenti sociali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece io quando torno a casa ho sempre l'impressione che in mia assenza inviti amici per far baldoria. Trovo sempre un casino ^_^

      Elimina
  8. Hai fatto veramente bene 😁 con questo caldo poi due giorni al mare ci stanno tutti!🌊 Buona serata e una carezza a Gatto Sandro!😽

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io adoro il caldo, ma in questi giorni è davvero eccessivo!

      Elimina
  9. Sarà che l'ultima volta che ho visto il mare risale all'anno scorso, sarà che mi sono un pochino stufata di organizzare le cose (anche se non nei minimi dettagli) per tutti ogni volta che mi muovo, ma mi è sembrato di vivere quest'esperienza insieme a voi. Col rumore del mare, il relax e tutto. Peccato che manchino le "troffie". Dovrei fare la stessa cosa ogni tanto, mi farebbe bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ci vuole, senza organizzare niente una volta tanto. No?

      Elimina
  10. Ma che fantastica avventura!! Ora sapete dove scappare quando l'afa vi tormenta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona tutto bene con il nubifragio???

      Elimina
    2. @Silvia sì infatti non vedo l'ora di tornarci. Peccato che adesso il tempo non è l'ideale ma la settimana prossima scappo a Spotorno di nuovo ^_^

      Elimina
    3. @Lory tutto Ok, mi sono beccata un'ondata d'acqua ieri sera tornando a casa, a piedi. Ho trovato rifugio in un bar sotto ai portici e quando sono riuscita a rientrare da me era tutto a posto.

      Elimina
  11. Il mare è un'invenzione bellissima.
    Se poi aggiungi buona compagnia, qualche bicchiere (sono Negroni quelli in foto??) e cucina ligura, non credo ci siano tante cose più belle di quella.
    A voi che piacciono i matti e la buona cucina consiglio il Gagollo a Bergeggi.
    E se vi piace passeggiare, Borgio Verezzi (su in direzione Verezzi) o Finalborgo, due piccoli paradisi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del consiglio, finalborgo la conosco (bellissima) Borgio Verezzi no. Niente negroni, sebbene sia un drink che apprezzo, quelli della foto sono semplici martini rosso con ghiaccio (era pur sempre un aperitivo a stomaco vuoto ^_^).

      Elimina
  12. sono morta :) QUESTO RESOCONTO è MAGNIFICO :) EH SI, I LIGURI SONO UN PO' PAZZI SAPPILO EHEHEHEHE :)

    RispondiElimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...