Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

lunedì 18 gennaio 2016Aggiornato il:

Ispirazioni d'inverno #4: Onsen Giapponesi

Il Giappone offre vaste possibilità di itinerario in tutte e quattro le stagioni. Io ci sono stata due volte, sempre in estate, ma mi piacerebbe tantissimo andarci d'inverno. Vedere Tokyo sotto la neve, per esempio, è uno dei miei desideri.
Un altro desiderio è quello di immergermi in un onsen all'aperto circondata da un paesaggio innevato.

Gli onsen sono le stazioni termali con bagni all'aperto o al coperto, pubblici o privati. Utilizzano l'acqua delle sorgenti calde vulcaniche. La regola principale da seguire negli onsen consiste nel lavarsi bene e risciacquarsi accuratamente prima di immergersi. L'ingresso è vietato alle persone con tatuaggi vistosi [1].
Nelle cartine vengono indicati con questo simbolo: 

(Per vedere i miei itinerari in Giappone e i miei diari di viaggio: Il mio primo viaggio in Giappone e Il mio secondo viaggio in Giappone. Qui invece c'è il mio progetto di viaggio in Hokkaido)

Yamanouchi
source


C'è un posto abbastanza vicino a Tokyo che si chiama Yamanouchi che in un paio di giorni esaudisce tutti i miei sogni invernali. Onsen, ryokan (alberghi tradizionali) che offrono onsen privati o addirittura nella propria stanza, gente che passeggia per le strade in yukata e geta , in mezzo ad abitazioni tradizionali. (Yukata è l'indumento estivo tradizionale. Quelli che vengono forniti nei ryokan sono in genere bianchi con disegni azzurri e assomigliano ad accappatoi chiusi da una cintura di stoffa. Si porta con gli zoccoli a infradito tradizionali che si chiamano geta).
In più, c'è un parco abitato dalle scimmie che adorano stare ammollo nell'acqua calda.






Escursione a Yamanouchi da Tokyo:

Tokyo - Nagano 1h 20m (in Shinkansen , il treno proiettile) 4.000 yen
Nagano - Yudanaka 50 minuti (treno) 1.160 yen

Yudanaka è la stazione di Yamanouchi, da cui partono gli autobus per le località turistiche della zona (Shibu Onsen, Yudanaka Onsen, Jigokudani Monkey Park).


Shibu Onsen
source


Shibu Onsen
Cittadina termale con storici ryokan nei vicoli dove gli ospiti degli onsen girano tranquillamente in yukata e geta. Ci sono nove bagni pubblici divisi per uomini e donne aperti agli ospiti che trascorrono la notte, più uno aperto per i visitatori giornalieri (si chiama OYU, è aperto dalle 10:00 alle 16:00 e costa 500 yen).

Da Yudanaka Station a Shibu Onsen autobus (5 minuti, 210 yen)



Yudanaka Onsen
Località termale più moderna rispetto a Shibu. Appena arrivati alla stazione si trova già il primo bagno pubblico (KAEDE NO YU, aperto dalle 10:00 alle 21:00, 300 yen) e c'è un pediluvio gratuito subito fuori dalla stazione.

Si trova all'ultima tappa del Nagaden Nagano Line (treno locale 70 minuti, 1160 yen - oppure - treno rapido 50 minuti, 1260 yen).


Jigokudani Monkey Park
Jigokudani significa "valle dell'inferno". In questo parco ci sono sorgenti naturali d'acqua calda dove vivono i macachi giapponesi. In genere da dicembre a marzo c'è la neve che rende particolare questo luogo.

Da stazione Nagano autobus 40 minuti, 1400 yen.
Da Yudanaka autobus circa 15 minuti, 310 yen.
Da Shibu Onsen circa 10 minuti, 190 yen.

Jigokudani Monkey Park
source




SNOW MONKEY 1-DAY PASS:
Formula risparmio che permette l'uso illimitato di Nagaden Train, Nagaden Express Bus tra la stazione di Nagano e Kanbayashi Onsen, Nagaden autobus tra Yudanaka e Kanbayashi Onsen, Ingresso al Jigokudani Monkey Park.
Vale un  giorno e costa 2900 yen.
Si acquista alla stazione Nagaden di Nagano (di fianco alla stazione JR)


Yamanouchi
www.yudanaka-shibuonsen.com



DORMIRE IN UN RYOKAN
In Giappone dormire in un ryokan o in una locanda (o hotel) con stanze in stile giapponese è un'esperienza da provare almeno una volta. Come sistemazione non è molto economica, ma merita.
Il pavimento è in tatami e si dorme nel futon. Ogni camera mette a disposizione degli ospiti yukata e in genere c'è sempre un bollitore per il te (o caffè).

Il tatami è la tradizionale pavimentazione giapponese composta da pannelli rettangolari affiancati fatti con paglia di riso intrecciata e pressata. Il futon è il materasso tradizionale che si srotola prima di dormire e la mattina si arrotola e si ripone nell'armadio

Per farvi un'idea dell'atmosfera e dei costi ne ho selezionati alcuni nella zona di Yamanouchi.

Shibu Onsen: KOKUYA
Ryokan piuttosto caro, la doppia parte da € 100 a notte, ma ci sono stanze con onsen privato!
www.yudanaka-shibuonsen.com
Shibu Onsen KOKUYA
Shibu OInsen Kokuya, la suite. Foto da Tripadvisor


Kanbayashi Hot Spring: FUDOUSON-NO-YU KOTOBUKI
Con bagni termali esterni e interni. Tutte le camere in stile giapponese hanno una zona salotto e il bagno in comune. Da € 100 a notte per la doppia.
FUDOUSON-NO-YU KOTOBUKI
Foto da checkinly.com


Yudanaka Hot Spring: YOROZUYA ****
Le camere in stile giapponese hanno terrazza e bagno privato. Ci sono bagni termali all'aperto e coperti e la struttura mette a disposizione una navetta gratuita da/per la stazione Yudanaka.
La colazione e la cena giapponese vengono servite in camera. Meraviglioso.
Doppia con mezza pensione inclusa € 280 a notte.
YOROZUYA
Foto da www.japanican.com


Jigokudani: ONSEN KORAKUKAN ***
Bellissima abitazione tradizionale direttamente nel parco delle scimmie. Ci sono vasche termale pubbliche al coperto e vasche private. I dintorni della struttura sono abitualmente abitati dalle scimmie, pertanto sarà molto probabile riuscire a vederle affacciandosi alla finestra.
Un po' scomodo da raggiungere (mezz'ora di sentiero a piedi), ma assolutamente scenografico.
La camera doppia in stile giapponese, con mezza pensione inclusa, costa € 200 a notte.
Jigokudani Onsen KORAKUKAN
Foto da booking.com



Link utili:
Yamanouchi: www.japan-guide.com/e/e6025.html
Jigokudani Monkey Park: www.japan-guide.com/e/e6028.html
Treni (orari, percorsi, costi): www.hyperdia.com





Nota:

[1] Come ho detto, negli onsen pubblici è vietato l'ingresso alle persone con tatuaggi. Quelli piccoli e poco vistosi sono tollerati, ma per chi come me ne ha parecchi e molto grandi la soluzione è quella di andare negli onsen privati.
In Giappone, accanto o all'interno della stazione ferroviaria c'è sempre un ufficio turistico dove chiedere informazioni e cartine. In genere non ho mai avuto problemi a comunicare in inglese, ma per sicurezza chiedete consigli per trovare un onsen privato.
Kazoku onsen (onsen per famiglie) 家族温泉 (in questo link trovate una lista di family onsen giapponesi, qui invece un bell'articolo sul corretto comportamento da tenere in un onsen)


Qui la mia esperienza in un onsen privato (a Beppu).

Qui l'esperienza di Michela (WarmCheapTrips) allo Snow Monkey Park

How to Enjoy Onsen
japan-enkai.com



17 commenti:

  1. Adoro Yudanaka, anche io ci son stata in estate, ma è stato comunque assolutamente piacevole!
    Ne ho parlato qui: http://www.warmcheaptrips.com/2015/05/discover-japan-lo-snow-monkey-park.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo Michela, mi ero persa il tuo post! Se sei d'accordo aggiungo il tuo link.

      Elimina
    2. Ti ringrazio, provvedo a fare altrettanto!

      Elimina
  2. Che bello, anche a me piacerebbe fare il bagno in un onsen nel bel mezzo di un paesaggio innevato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Primo problema: spogliarsi (e lavarsi) prima di entrare.
      Secondo problema: uscire! Ci starei tutto il giorno ^_^

      Elimina
  3. Il Giappone mi sembra affascinante, anche quei bagni termali. Peccato per la lingua: so solo il tedesco; e per i prezzi alti, certo.
    Però li immagino ancora immersi nelle loro tradizioni rilassanti e mi incuriosisce. Anche se di giapponese conosco solo i turisti che hanno un'espressione da pesce lesso e ogni aggeggio tecnologico possibile (con dizionario incorporato). Comunque ammiro questi popoli con diverso alfabeto che si adeguano a quello latino, mentre noi alla vista del loro andiamo nel panico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La lingua non è un vero problema (fosse per quella non potrei andare da nessuna parte). Semmai (per me) è uno stimolo. Ho imparato i due alfabeti base e qualche frase semplice, condite da spirito di adattamento, che non deve mancare mai ^_^

      Elimina
    2. Lo spirito di adattamento ce l'ho, e anche la curiosità per le lingue, mi affascinano gli alfabeti diversi. Diciamo che non mi è mai interessato nulla al di fuori dell'Europa, ma dopo aver letto libri di Terzani, e ora i tuoi post, sono sempre più curiosa del mondo asiatico, e mi tornano in mente vaghe nozioni sulla cultura e la storia.
      Altro effetto dei tuoi post è che comincio a provare meno stress (e meno vergogna) nell'organizzare vacanze dettagliate, scrivere tutto per bene, prevedere nero su bianco più imprevvisti possibili ecc. Arriverà il giorno (=la vacanza) in cui riuscirò a fare anche un vero diario di viaggio come il tuo :D
      Grazie per gli spunti preziosi! Buona giornata :)

      Elimina
    3. Sei sulla buona strada! Grazie a te ^_^

      Elimina
  4. Che post intrigante, cara Ciccola! Nuova follower!

    RispondiElimina
  5. Mai stata in Giappone, ma questi post mi fanno venire una voglia matta di prenotare subito! >___< Non sapevo dell'esistenza degli onsen!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi va in Giappone per la prima volta in genere sceglie le mete classiche (anche perché non si può andare in Giappone senza vedere Tokyo, Kyoto e Nara). Ma con una deviazione di un paio di giorni, se il tempo a disposizione lo permette, si possono raggiungere mete come questa che permette di fare un'esperienza indimenticabile.

      Elimina
  6. il giappone è decisamente una meta che mi vorrei regalare al più presto...
    le tue foto e le tue paole, non hanno fatto che accrescere questa convinzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un viaggio che ti auguro di fare, ma fai attenzione, crea dipendenza ^_^.

      Elimina
  7. Quelle scimmie! le avevo prese come ispirazione per dei disegni perchè hanno un colore stranissimo (non solo la faccia, anche il pelo).
    Non so se riuscirei a stare in quelle acque caldissime senza svenire... XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi sono aiutata col tubo dell'acqua fredda, perché per me era davvero impossibile. Però, sensazione di mancamento a parte, gli effetti benefici sulla pelle sono stati immediati e dieci volte migliori di qualsiasi trattamento di bellezza.

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...