Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

mercoledì 12 agosto 2015Aggiornato il:

Estate italiana 2° parte: Cinque Terre




Estate italiana - Diario di viaggio
Seconda parte: Cinque Terre



Per visitare le Cinque Terre abbiamo a disposizione un giorno solo, quindi prendiamo il primo battello che parte da Lerici alle 9.30. Con il biglietto giornaliero si può scendere e risalire sul battello a piacimento, però gli orari sono fissi e avendo tempi stretti bisogna organizzare bene le tappe.
Si potrebbe andare in treno, che costa molto meno, ma credo che per vedere meglio i paesini arroccati il mare sia il posto migliore. Inoltre bisogna andare alla stazione di La Spezia, che dista circa 50 minuti di autobus da Lerici, perciò la nave mi sembra la soluzione più comoda.

Noi decidiamo di arrivare fino a Vernazza (un'ora e mezza circa di navigazione) e poi tornare indietro facendo più tappe possibili, per poi tornare a Lerici nel pomeriggio. Su alcuni battelli ci sono gli altoparlanti, e man mano che ci si avvicina nei luoghi d'interesse turistico vengono offerte spiegazioni e nozioni storiche. Non avevo mai visitato le Cinque Terre prima d'ora, quindi non riesco a valutare se siano ancora visibili gli effetti della terribile alluvione del 2011. Di certo i lavori di ricostruzione e ripristino hanno restituito agli abitanti e ai fortunati turisti tutto il loro splendore.


Partenza da Lerici
Lerici





Portovenere
Portovenere


Il paesaggio è davvero stupendo, il mare qui ha un azzurro intenso e in cielo non c'è una nuvola. Le case colorate, una sull'altra, sfidano le leggi della gravità e sembrano incastrate nella roccia.
Mi chiedo come si possa abitare in posti così isolati e angusti, ma quando scendiamo a terra e iniziamo a camminare nei reticoli di viuzze penso che non sarebbe poi così brutto.

50 (e più) sfumature di azzurro
Cinque Terre


Cinque Terre


Vernazza dal mare sembra minuscola, ma al suo interno ha ripide salite e scalinate, case, negozi e ristorantini presi d'assalto dai turisti. Non è certo il posto più economico dove fare shopping, ma guardare le vetrine non costa nulla. Tra l'odore delle fritture e il profumo che arriva dalle panetterie viene un certo languore, e la focaccia è proprio buona qui.
Il sole picchia forte, ma nelle vie strette i raggi non arrivano e c'è un piacevole effetto cantina che ci permette di respirare un po'.

Vernazza e la Chiesa di Santa margherita di Antiochia
Vernazza

Vernazza


Se posso permettermi una personale classifica, devo dire che Riomaggiore è la mia preferita.
E dire che durante la navigazione ho ascoltato i commenti di una famiglia seduta dietro di noi, in cui la mamma diceva di voler saltare proprio Riomaggiore perché le era stato detto che non ne valeva la pena. Punti di vista, ma io sul sentito dire ho sempre dei dubbi, nonostante abbia la presunzione di scrivere un blog in cui do consigli di viaggio.

Arrivando dal mare sembra nascosta, bisogna aspettare di esserle davanti per veder spuntare le case ed è secondo me uno dei luoghi più suggestivi che abbia mai visto. Mi viene voglia di prendere un blocco da disegno e provare a tracciare le linee per cercare di capire quale diavolo di prospettiva seguono.

Le vie strette si inerpicano tra le case, ci sono scalinate a zig zag e passaggi al coperto di piccoli ponti, sembra sempre di finire dentro qualche abitazione e invece all'improvviso ci si ritrova una vista mare pazzesca davanti agli occhi.


Riomaggiore
Riomaggiore

Riomaggiore

Riomaggiore


Avessimo avuto il tempo forse avremmo percorso il sentiero che da Riomaggiore porta a Manarola (la "Via dell'Amore"), invece riprendiamo il battello per andare a Portovenere, un borgo marinaro piuttosto grande. Molti turisti arrivano qui per godersi il mare e le escursioni alle isole di fronte, Palmaria, Tino e Tinetto, dove le spiagge sembrano tropicali.

Noi invece preferiamo passeggiare tra le vie del centro, curiosando nelle botteghe, camminando rasente al muro per cercare un po' d'ombra. Sicuramente il nostro modo di porci aiuta, ma ho notato una gentilezza che non mi aspettavo da un posto così turistico.
Ci fermiamo in un piccolo bar per un panino e un bicchiere di vino (La Piazzetta, via Capellini 56) e poi torniamo verso il porto dove dobbiamo imbarcarci per rientrare a Lerici.

Le vie di Portovenere
Portovenere


Incuriositi e attirati dall'incredibile profumo proveniente da una bottega ricoperta di basilico, veniamo accolti dal sorriso un po' burbero di un signore che ci offre un pezzetto di focaccia col pesto più buono del mondo. Se capitate da queste parti fate un salto ad assaggiare questa delizia.

Bajeicò, La bottega del pesto - via Capellini 70 - Portovenere - http://bajeico.it/
Bajeicò

L'isola di Palmaria vista da Portovenere
Portovenere

Portovenere


Una volta arrivati a Lerici recuperiamo i bagagli e carichiamo la macchina. Purtroppo stiamo per lasciare questi posti e questo mare meraviglioso, ma questa è solo la prima tappa di questa estate italiana.
Abbiamo ancora i piedi pieni di sabbia e il colore del mare negli occhi, e siamo già in viaggio per la nostra prossima meta.

Arrivederci Liguria, spero proprio che ci rivedremo presto.








---------------------------------------------------------------
Info pratiche:

Battelli Lerici - Cinque Terre
Tappe:
Lerici - Portovenere - Riomaggiore - Manarola - Vernazza - Monterosso
Partenze ore 9.30 - 10.30 - 11.30 - 14.30 - 15.30 (orari estivi)
Ultimi rientri ore 17.45 - 18.45
Tariffe:
Giornaliero € 26 (Festivo, prefestivo e agosto € 28) Bambini da 6 a 11 anni € 16
Andata Riomaggiore o Manarola € 14
Andata Vernazza o Monterosso € 18
Pomeridiano € 22

Battelli Lerici - Portovenere
Partenze da Lerici ore 9.30 - 10.30 - 11.30 - 14.30 - 15.30
Rientri ore 12.30 - 15.00 - 17.15 - 18.15
Tariffe:
A/R € 12 Bambini da 6 a 11 anni € 7)
A/R più visita alle tre isole (Palmaria, Tino e Tinetto) € 20 (Ridotto € 12)

www.cinqueterre.it
---------------------------------------------------------------

16 commenti:

  1. Non ho mai visitato le Cinque Terre, ma mi ispira, nonostante non sia una grande fan della Liguria (anche Lerici, dalle tue foto sembra interessante a dire il vero) ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che questa parte della Liguria è davvero bella, ci sono tantissimi posti incantevoli e mi ha ricordato moltissimo la Grecia (soprattutto per i colori).

      Elimina
  2. Non sono mai stato in queste zone, spero di rifarmi un giorno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero di tornarci presto, magari con qualche giorno in più a disposizione.

      Elimina
  3. Sono contenta che il viaggio in Italia proceda bene. Io alle Cinque Terre ci sono stata un sacco di volte, ma mai via mare, e mi sembra proprio un'idea geniale, visto che il parcheggio è sempre un problema da quelle parti. La via dell'Amore è in gran parte rivestita di cemento e strapiena di turisti e secondo me proprio non vale la pena. Una cosa da fare, se ci torni e hai più tempo, è cercarti una stanza in affitto in uno dei paesini dei dintorni (che costano precipitosamente meno delle 5 terre) ed esplorare le colline lungo il mare. Ci sono tanti sentieri fra i muretti a secco che sono come camminare in paradiso (solo un po' più in salita), e non hanno niente da invidiare alla costa californiana!
    Ecco, qui per esempio:
    http://ninehoursofseparation.blogspot.com/2012/06/saluti-dalle-cinque-terre.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello Silvia, sono venuta a vedere le tue foto... Sì, la prossima volta me la prenderò con più calma, una passeggiata sulle colline ci vuole proprio.
      Per fortuna non ho trovato molti turisti, comunque i sono segnata l'ostello che hai segnalato nel tuo post. Ci tornerò di sicuro.

      Elimina
  4. Mi manca questa splendida parte d'Italia. Mi segno la Bottega del Pesto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che delizia, un profumo e un sapore buonissimo. Peccato non aver potuto prendere un vasetto, ma essendo pesto fresco non potevamo conservarlo in macchina (a 40 gradi poi...).

      Elimina
  5. Ah le 5 terre ... all'inizio del nostro stare insieme con Yumi ci andammo...ed incappammo in una giornata nebbiosa non ricordo più se fosse primavera o autunno, tanto nebbiosa che sono nebbiosi anche i ricordi...poi alla fine la trascinai a La Spezia a vedere il museo della marina militare ... mi ricordavo di esserci stato da piccolo col mio babbo...e mi era piaciuto tanto...ma capisco che Yumi non si sia divertita...ma che vuoi i ricordi dell'infanzia ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nebbia ha il suo fascino, ma al mare mi mette un po ' di tristezza. Senza dubbio col sole è tutto più bello.
      A La Spezia sono stata solo di passaggio, ma credo che il museo della marina militare mi potrebbe piacere.

      Elimina
  6. Che belle foto! Delle cinque terre sono stata solo a Monterosso e non me la ricordo nemmeno bene, mi piacerebbe visitare più approfonditamente questi posti di cui tutti parlano tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco io invece per problemi di tempo e orari Monterosso non l'ho vista!

      Elimina
  7. La pizza col pesto mi manca, decisamente. E mi manca anche una visita alle Cinque Terre. Dovrò rimediare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano anni che volevo andarci, le vedevo sempre in tv (programmi come Linea Blu e simili) e pensavo che è pazzesco andare in giro per il mondo ma perdersi dei posti così belli vicino casa.

      Elimina
  8. Che meraviglia! Da tanti anni è una delle mete che vorrei esplorare, ma chissà quando verrà il momento... Intanto sogno con le tue foto che come sempre sono splendide, e magari verrà anche il momento di seguire i tuoi passi in giro per l'Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era da tempo che ci volevo andare, ne è valsa la pena.

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente il codice captcha per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...