Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

giovedì 19 marzo 2015Aggiornato il:

Halong Bay

Halong Bay



Diario di viaggio in Vietnam
Sabato 7 febbraio

Cominciamo bene la giornata con una colazione leggera leggera
(da quando sono in Vietnam non posso fare a meno delle uova al mattino)
Rising Dragon Hotel Hanoi

Il pulmino passa a prenderci intorno alle 8 e 30, ma ci vuole ancora una buona mezz'ora per finire il giro dei diversi hotel per caricare il resto dei partecipanti. Lasciamo Hanoi sotto una fitta pioggerellina, ma per fortuna smette appena ci allontaniamo un po'.




La strada per arrivare nella Baia di Halong è lunga e il nostro autista alterna momenti di guida tranquilla (rispettando abbastanza i limiti di velocità) a momenti di follia (per esempio cercando di superare un camion in contromano mentre ne arriva un altro in senso opposto). Ogni tanto incontriamo qualche paesino, fatto di poche case e qualche bottega.


Siamo un gruppo di persone provenienti da ogni parte del mondo. Ci sono due tedeschi, un inglese, due francesi, alcune ragazze coreane, malesi e indonesiane. Noi siamo gli unici italiani.


Arrivando ad Halong
Halong

In tutto ci mettiamo quasi cinque ore, compresa la sosta all'autogrill con passaggio obbligato tra i negozi di souvenir.

Ci imbarchiamo sulla nostra nave e troviamo i tavoli da 6 posti già apparecchiati. Siccome noi siamo in quattro la guida fa in modo di sistemare le persone per non dividerci, e questo crea il primo malumore del ragazzo inglese (lo chiameremo RugnaBoy), che vuole sapere se ci sarà la stessa quantità di cibo nei tavoli in cui siedono 5 o 6 persone rispetto a noi che siamo solo in 4.
Ussignur!
Mangiamo abbastanza bene, e nel frattempo abbiamo iniziato ad avvicinarci alla Baia.


Le portate del pranzo sulla barca
Pranzo sulla barca - Halong Bay

Al tavolo di RugnaBoy scoppia un'altra questione. Ha preso una lattina, ma pensava che fosse inclusa nel prezzo e si rifiuta di pagarla (anche perché non si è portato nemmeno un soldo). In una situazione normale chiunque si sarebbe offerto di pagare per lui, ma visto il suo atteggiamento ostile e assolutamente fuori luogo nessuno ha mostrato l'intenzione di dargli una mano.

Non so come sia andata a finire, anche perché ho iniziato a vedere qualche picco nell'acqua e sono corsa fuori a godermi la vista. Che spettacolo!


L'ingresso nella Baia di Halong, tra i picchi carsici che spuntano dall'acqua.
Halong Bay



Non so se le foto rendono l'idea, ma questo è davvero uno dei posti più belli del mondo. E' bellissimo anche se non c'è il sole, anzi. La nebbiolina che sfoca i pinnacoli più distanti aggiunge magia al posto, che sembra uscito da un dipinto. Sono felice anche perché siamo relativamente in pochi, e l'atmosfera è quasi intatta.

Scendiamo su una piattaforma di legno dove sono ormeggiate le barche di bambù. Saliamo a gruppetti, i più sportivi scelgono la canoa (io e Lore ci abbiamo provato una volta e abbiamo scoperto di essere negati) e iniziamo a muoverci piano, attraverso passaggi, grotte e un paesaggio mozzafiato.

I francesi e le coreane se la cavano benissimo in canoa.
RugnaBoy si è aggregato ai tedeschi, ma ormai è evidente che lo stiamo evitando un po' tutti.

Noi ci facciamo portare dal nostro barcaiolo, che si diverte a farci anche un paio di foto. Mi piange il cuore a vedere qualche bottiglia d'acqua galleggiare in questo paradiso, ma in generale è tutto perfetto.
Avete presente quando siete in un posto e vi sembra di esserci già stati? Ecco, io invece ho la sensazione inversa, e per qualche motivo sento che ci verrò di nuovo.


Le barche di legno
Halong Bay

Un passaggio
Halong Bay

Halong Bay

Riflessi sull'acqua e picchi carsici che sembrano dipinti.
Halong Bay

Halong Bay

Halong Bay


La nostra barca
Halong Bay

Halong Bay


Risaliamo a bordo della nostra nave e ci dirigiamo verso Dau Go, dove si trovano le grotte: Hang Thien Cung (Grotta del palazzo celeste) e Haung Dau Go (Grotta delle meraviglie).

Le grotte sono collegate tra loro attraverso passaggi pieni di stalattiti e stalagmiti, illuminate da luci colorate che esaltano le forme e le altezze (e danno quel tocco di pacchiano che non manca mai).
Il percorso è piuttosto lungo, infatti la barca ci lascia in una spiaggia e ci viene a riprendere in un'altra, al termine della visita.

Appena si esce dalla grotta il panorama è spettacolare. La luce sta iniziando a diminuire e i colori si stanno quasi impastando: adesso Halong Bay sembra un acquerello.


Haung Dau Go
Haung Dau Go

Haung Dau GoHaung Dau Go


La nostra gita è finita, la barca ci riporta al molo di Halong. Ci aspettano altre quattro o cinque ore di pullman. Arriviamo a Hanoi che è sera e piove. Pare che siamo stati fortunati, ad Halong non è caduta neanche una goccia.

Visto che il tempo è brutto bisogna cenare al chiuso. Scegliamo una sala alla giapponese al secondo piano di un ristorante dove siamo già stati. L'ambiente è caldo e sulla terrazza ci sono le decorazioni natalizie. Mi sembra un po' strano pensare che festeggeremo di nuovo il capodanno, considerando che siamo a febbraio. Però è così divertente!


La sala giapponese diHigway4


Cena a base di carne e verdure
Highway 4 Hanoi






-----------------------------------------------------
Info pratiche:

Halong Bay
Da Hanoi il modo più semplice per raggiungere Halong bay è affidarsi ad un tour dell'albergo. Facendo i conti ad andare da soli non si risparmia più di tanto, e secondo me non ne vale la pena.
Il nostro hotel ci ha proposto tre tipi di tour, e noi abbiamo scelto la via di mezzo tra quello "spartano" e quello "di lusso". Nel nostro tour era compreso il pullman a/r da Halong, bottiglia d'acqua, crociera in barca con pranzo (con bevande escluse), giro in barca di bambù (o a scelta giro in kayak) e visita alle grotte, per 45 $ a persona.


Cena: Higway 4
25 Bat Su, Hoan Kiem District, Hanoi
-----------------------------------------------------

28 commenti:

  1. ma RugnaBoy è stato abbandonato nelle grotte?
    Che fastidio. Ho un collega che avrebbe fatto la stessa identica domanda riguardo al cibo in tavola. Ma puoi essere così pezzente? (domanda retorica, ovvio che sì!)
    Vedo che la sosta allo "pseudo-autogrill" è una tappa obbligata di tutti i tour, quindi... oltretutto ho potuto rendermi conto che sono carissimi! avevo comprato un souvenir in un negozio di Hanoi molto bello, nella zona vicino al Teatro, fregandomene del prezzo, perché era un regalo che avevo promesso... all'autogrill costava TRE volte tanto!!!
    Ovviamente all'epoca l'idea del giro in kayak non mi ha sfiorato minimamente, e mi sono fatta trasportare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaa! Aveva l'aria del classico "viaggiatore da solo zaino in spalla e so' troppo figo", e in effetti era anche molto carino, ma appena ha aperto bocca sono fuggiti tutti.
      Ho dato un'occhiata anch'io ai prezzi in "autogrill" e mi è preso un colpo!
      Chi ha scelto il kayak ha avuto tutta la mia stima, anche perché sembrava parecchio faticoso...

      Elimina
  2. Che bel posto!!! A parte RugnaBoy XD ma nei viaggi con gli altri bai ogni mettere in conto quelcuno di antipatico mi sa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è dispiaciuto, si è rovinato una giornata in cui poteva divertirsi. A noi è bastato ignorarlo (e riderci sopra )

      Elimina
  3. Cucina veramente fantastica, e le foto ti assicuro, rendono bene l'idea. Paesaggio veramente incantevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ally il Vietnam sarebbe perfetto per te, potresti fare un sacco di gite in bici!

      Elimina
    2. Sì, vero. Anche se non ho mai pensato ad un viaggio così lungo, devo dire che per me il Vietnam è un luogo dalle molte suggestioni, politiche, storiche, e anche cinematografiche (quanti film cult ambientati in Vietnam, anche se spesso girati in altri luoghi), letterarie (alcuni importanti libri di Terzani). Mi sono perso le prime puntate del tuo reportage, che adesso mi godo a ritroso, e silente. Splendide foto, di un luogo mitico, nonostante la globalizzazione sia arrivata pure lì ...
      p.s.
      Ora ho anche il mito della cucina vietnamita, via Berlin :)

      Elimina
    3. Per quel che ho visto si può considerare ancora una meta abbastanza incontaminata, con un forte orgoglio nazionale e una sorta di genuinità che rende il viaggio un'esperienza unica. E poi il cibo. . .

      Elimina
    4. Sicuramente, i vietnamiti dominati da potenze straniere, hanno temprato il loro orgoglio nazionale, versando molto sangue per difenderlo, stare uniti. Anche per questo, saranno meno globalizzati ... e sì, anche nel cibo (la birra con il ghiaccio, non mi sembra malaccio, poi ...).

      Elimina
    5. Bisogna adeguarsi (o bere birra calda, che secondo me è peggio )

      Elimina
  4. Che bei paesaggi, dovrei studiarli per gli acquerelli, ma shhhhh non ne parliamo o mi viene l'ansia! XD
    Bello anche Rugna boy, alcuni viaggiatori sono davvero i peggiori compagni di viaggio che possano capitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti prendere una foto che ho pubblicato e trasformarla in acquerello, bello!

      Elimina
  5. Mi mancavano i tuoi post pieni di foto, cibo e avventure!
    Mi sa che quei passaggi tra gli scogli li ho visti in tv, e neppure molto tempo fa...


    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È facile, essendo uno dei posti più famosi del Vietnam. Grazie ♡

      Elimina
  6. Sto per sganciare la bomba di domande. Pronta?
    3...2...1:

    A parte gli scherzi, volevo veramente chiederti: come mai avete scelto la gita di un giorno e non quella di due con una notte fuori nella baia? Te lo chiedo perchè informandomi e leggendo in giro mi sembra che quella da due giorni sia la crociera più gettonata. Sula versione 2 notti e 3 giorni ho letto pareri discordanti. Cè chi dice che il terzo giorno sia necessario per esplorare meglio le zone con meno turisti e altri che sostengono che il terzo giorno di fila in barca diventi un po´noioso.
    Poi ti volevo chiedere: ma c´erano veramente così tante barche come molti dicono o hai goduto comunque della vista? Mi sembrava di aver letto commenti delusi a proposito.

    Scusa delle domande, anche un po´banali, ma la baia di Halong è in testa alla cima dei miei desideri, mi sono creata un sacco di aspettative e ho giá l´ansia di non riuscire a fare la scelta giusta quando sará il momento.
    laformicascalza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo stati ad Hanoi solo 3 giorni, e ho voluto dedicare ad Halong Bay una giornata sola. La crociera di due giorni deve essere bellissima, ma io sono soddisfatta sia di ciò che ho visto che del tempo che ho avuto a disposizione.
      Magari ci tornerò, e allora potrei pensare di restare una notte.

      Credo che l'affollamento di barche e turisti si verifichi in altri periodi dell'anno, quando fa più caldo. Non eravamo più di 5 barche, e durante il giro in barca (e kayak) c'era solo il nostro gruppo, 30 persone scarse suddivise in tre barchette e due kayak. Praticamente da soli!

      Elimina
    2. io ho fatto i due giorni e rimpiango di non avere potuto farne 3, perché il luogo è davvero unico. A Marzo ce n'erano parecchie di barche comunque, nebbiolina compresa. Mi sarebbe piaciuto vederla anche col sole, ma ormai è andata. Comunque la sera alla fonda in mezzo alla baia è indimenticabile. Se vi capita guardate Indocina con la Deneuve!!!!

      Elimina
    3. Allora la prossima volta starò almeno una notte!

      Elimina
  7. Veramente splendido!
    Quando si fanno gite di gruppo c'è sempre qualcuno che deve rendersi insopportabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è sembrato davvero strano, uno non può viaggiare da solo e rendersi antipatico!

      Elimina
  8. Capperi, che meraviglia!! E il cibo, slurp! Poverino però il Rugna-boy, pensa com'è messo se non riesce neanche a godersi queste cose. Chissà come sarà al lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah, per me è incredibile che esistano viaggiatori così. Sembrava che fosse stato obbligato a venire in gita (in uno dei posti più belli del mondo poi).

      Elimina
    2. Uno che non riesce a godersi Halong è davvero un poveretto, che spreco!

      Elimina
    3. Magari è il suo modo di viaggiare. ..

      Elimina
  9. Che posto incantato,
    veramente una vera magia Ciccola mia..e che colori , che diverse sfumature dal grigio sfumato e misterioso del mattino a questa profusione di tinte nell'interno...Non lo avete annegato il Rugnaboy? Tanto uno più o uno meno..mammamia!!!
    Bacio super mia cara!

    RispondiElimina
  10. queste grotte son davvero affascinanti!!!

    RispondiElimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...