Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

venerdì 31 ottobre 2014Aggiornato il:

Samsung d'light (e Seoul)



Diario di viaggio in Corea
21 agosto 2014


Gangnam sotto la pioggia


Cosa si può fare a Seoul, quando ci si sveglia sotto la pioggia? Tantissime cose. Una di queste è sicuramente andare al Samsung d'light (non vedevo l'ora!).
Ci troviamo a Gangnam, un quartiere ricoperto di grattacieli dalle forme futuristiche, centri commerciali che si sviluppano in verticale, e negozi di lusso. In mezzo a tutto questo svetta il grattacielo Samsung Electronics, in cui si trovano i tre piani espositivi di Samsung d'light.




Al piano terra (1F) troviamo Mobile Plaza dove possiamo provare tutti i prodotti Samsung e sperimentare nuove tecnologie. (Tra i più divertenti: Camera Zone e Game Zone)

Al primo piano (2F) c'è Global Gallery, in cui scopriamo in sostanza la visione del futuro di Samsung.
LCD Zone - Semiconductor Zone (l'esperienza più folle che abbia mai fatto, ne ho messo un assaggio nel video qui sotto) - LED lighting drums - Smart Home (la mia casa dei sogni) - Media Wall (48 monitor che riproducono un paesaggio che cambia nel tempo come un'enorme finestra).
Un'esperienza pazzesca.

Al piano interrato (B1), quando ormai l'entusiasmo è alle stelle, ci si trova nello shop Samsung dove esplode la voglia di comprarsi TUTTO.

Nella foto:
          1- Capture Wall (si nota la mia faccia riprodotta su tutti gli schermi della parete?). 
          2- Tra tanti prodotti Samsung dello shop un bellissimo extra: instax mini (fujfilm). 
          3- Media Wall con la mia immagine preferita tra quelle proiettate (la foresta). 
          4- Camera Zone con i set in miniatura per scattare le foto.

Nella foto:
          1- la filosofia di Samsung d'light. 
          2- Smart Home (la lavatrice del futuro che comunica con te, il frigo dei desideri e l'omino
              rotondo che pulisce i pavimenti e si scansa quando passi, praticamente il sogno di tutte
              le casalinghe). 
          3- Samsung UHD (i colori delle immagini sono talmente nitidi da far girare la testa). 
          4- Un muro di led con effetto 3D (si vede meglio nel video).

Samsung d'light, il mio video.
Dura poco più di un minuto e condensa gli aspetti più strani e innovativi di questo pazzesco
"museo tecnologico".


Uscendo dal palazzo Samsung riusciamo a camminare un po' per Gangnam, prima che la pioggia ricominci a cadere con maggiore intensità. Io amo molto le città piene di grattacieli, e questa zona non mi delude. Entriamo in un palazzo a caso e ci infiliamo nell'ascensore di vetro per "scroccare" una vista panoramica (ci ritroviamo nell'atrio di uno studio medico e facendo finta di aver sbagliato piano scendiamo subito).

A Seoul la chirurgia plastica va fortissimo, e qui a Gangnam sono concentrati gli studi medici specializzati in chirurgia estetica. Mi sono capitate sottomano diverse riviste di settore, ed ora ho capito come mai la richiesta è così alta e per quale motivo c'è molta gente che viene qui ad operarsi dagli Stati Uniti: costa (relativamente) pochissimo.

I coreani ovviamente non sono tutti uguali ma hanno delle caratteristiche comuni come il viso tondo, il naso a patata e gli occhi a mandorla. Io trovo che specialmente sulle ragazze questi particolari stiano molto bene, perciò quando incappo in un viso rifatto (e mi è successo parecchie volte da quando sono qui) ho sempre la sensazione che ci sia qualcosa di estremamente sbagliato in una palpebra tirata e un naso minuscolo.

Le vie interne di U Street (il corso principale di Gangnam)

Grattacieli a Gangnam

U Street, la via principale di Gangnam con i negozi di lusso, i maxi schermi pubblicitari a led e 22 stazioni digitali pubbliche con contenuti multimediali.

Pausa caffè (con panna)

Dopo tanta tecnologia c'è bisogno di un tuffo nel passato per ritornare con i piedi per terra. Voglio tornare a Bukchon Hanok Village (ci siamo già stati all'inizio di questo viaggio in Corea) arrivando però da Samcheong Street, una via piena di abitazioni tradizionali e moderne, gallerie d'arte e negozi ricercati. Da Samcheong basta prendere una delle scalinate che salgono in collina per arrivare a Bukchon.
Nonostante il cielo grigio questa zona di Seoul è sempre molto affascinante.

Case tradizionali e panorama di Seoul:
in lontananza si vede la torre di Jongno e la NSeoul Tower.

Tempo variabile che ci regala qualche raggio di sole nel tardo pomeriggio.

Stasera facciamo un po' di shopping a Jongno. Mentre le strade si stanno riempiendo di bancarelle per la cena (dato che piove sono coperte da tendoni di plastica) noi approfittiamo dei negozi aperti fino a tardi per comprare un po' di souvenir. Gli ultimi giorni sono sempre quelli in cui riesco a raddoppiare il volume della mia valigia.

Cibo da strada a Jongno

UNIQLO (catena giapponese di abbigliamento) è uno dei miei negozi preferiti

Per cena andiamo in un bellissimo kaiten sushi giapponese. Ci accomodiamo in un tavolo appartato e peschiamo dal nastro tutto quello che ci ispira, e dato che siamo in coda e molti piattini non arrivano fin da noi ne ordiniamo diversi che ci vengono preparati sul momento.
Ogni piattino ha un colore che corrisponde a un prezzo, si va da poco meno di un euro a un massimo di cinque o sei euro. Le porzioni di sushi sono come sempre enormi, e il pesce sporge dal riso di un paio di centimetri per lato.

Sushi espresso, nastro trasportatore e tante bontà.



La serata termina per le vie del quartiere, dove c'è un sacco di gente sia dentro che fuori dai locali. Ormai il cielo è sereno, e io mi chiedo dove sono finiti tutti gli ombrelli e gli stivali di gomma. Possibile che spariscano appena non piove più?

Locali, ristoranti e tante insegne luminose.

Locali ad ogni piano dei palazzi.




--------------------------------------------------------
Info pratiche:

Samsung d'light
11, Seocho-daero 74-gil, Seocho-gu, Seoul
10 - 19 Ingresso libero

Metro Line 2 Gangnam Station exit 8
www.visitseoul.net/en/
www.samsung.com/us/experience/dlight/main/main.html


Ristorante giapponese
갓덴스시 강남점 (Gatten Sushi)
www.gatten.co.kr
www.seoultaste.com/en/restaurants/gatten-sushi
--------------------------------------------------------

20 commenti:

  1. nell'ordine mi è venuta voglia di:
    - entrare nel palazzo Samsung
    - comprarmi la instax mini (ci sto pensando da qualche mese)
    - mangiare sushi
    - entrare da Uniqlo (piace tantissimo anche a me, pare che a primavera arrivi anche in Italia e apra a Milano...

    (è sempre un piacere leggerti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uniqlo a Milano??? Questa si che è una notizia!

      Elimina
  2. io sto piangendo al ricordo del sushi mangiato in Giappone...le tue foto non sembrano from Korea....sigh!!! T__T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Catena giapponese al 100%, anch'io vado in astinenza di sushi "vero" ma nei Paesi vicini è facile trovare quello originale.

      Elimina
  3. Che viaggio interessante e misterioso.
    Si passa dalla tecnologia sfrenata , alla Matrix per intenderci.., al passato più romantico e nostalgico, agli enormi grattacieli, al caffè con panna( delizioso) etc etc ..
    Mi sembra quasi di esserci stata, viaggiando con te Ciccola mia..
    Grazie , mi è anche costato poco....
    Un bacio serale e sentito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio questi contrasti che mi hanno lasciata a bocca aperta. Un salto continuo tra il passato e il futuro! Grazie Nella.

      Elimina
  4. Interessanti commistioni tra presente tecnologico e passato.

    RispondiElimina
  5. Vedi, tutti a parlare di Silicon Valley, ma secondo me questo mondo delle meraviglie Samsung meriterebbe un sacco di articoli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un colosso, e in patria la Samsung è un vanto nazionale.

      Elimina
  6. Da quando leggo i tuoi racconti su Seoul e mrT c'è stato (tornandone entusiasta!) voglio proprio andarci anch'io! Ma proprio tanto tanto.
    Che faceva con la lente d'ingrandimento il cuoco di sushi?? Forse maneggiava pezzi così piccoli...
    una curiosità: per caso ricordi il prezzo della instax mini? Qui la vendono a circa 90 euro e mi chiedevo se non valesse la pena di comprarla in Corea prima o poi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' piaciuta anche a lui! Mi fa piacere ^_^
      La instax mini costava poco meno, io l'ho vista in tre versioni. La più economica era sui 70 euro ma è la pellicola la vera mazzata.

      Elimina
  7. Mi hai fatto venire fame di cibo orientale :-) !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono perennemente con lo stomaco che brontola ^_^

      Elimina
  8. W Samsung come brand, semplicemente una garanzia per gli elettrodomestici. :)
    Anche io, come altri tuoi commentatori... ora ho voglia di sushi. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In genere non sto tanto a guardare le marche, ma loro sono troppo avanti!

      Elimina
  9. Che belle le case tradizionali! Io sono per il passato (e per il sushi! :P)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sushi ci sta bene in ogni epoca ^_^

      Elimina
  10. Ma che spettacolo il grattacielo Samsung!! *_* deve essere stato divertentissimo!
    Poi Uniqlo... quanto mi manca! Speriamo apra anche a Roma allora! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già che ci siamo non potrebbe aprire anche a Torino? ^_^

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente il codice captcha per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...