Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

mercoledì 21 maggio 2014Aggiornato il:

Diario di viaggio ad Amsterdam - prima parte


Non so com'è che ho aspettato così tanto tempo per andare ad Amsterdam. 
Non so quanto riuscirò a stare senza tornarci. 
Amsterdam per me è stata Amore a prima vista.


Amsterdam - Diario di viaggio (prima parte)

Ieri sera ho festeggiato alla grande il mio pre-pre-compleanno. Ho riso, mangiato, bevuto e ballato fino a tardi. Ho le vesciche ai piedi e una faccia che fa schifo ma tra poco si parte e io non sto nella pelle.

Voliamo per la prima volta con Transavia, ottima compagnia (nonostante le critiche che avevo letto nei forum). Al check-in ci chiedono di imbarcare il bagaglio gratuitamente siccome il volo è molto pieno. Al momento dell'imbarco il solito furbo si accorge di aver lasciato qualcosa di importante in valigia (penso medicine) e inizia a litigare con la hostess perché pretende di avere il bagaglio.
Non so bene com'è andata a finire ma per fortuna la cosa non ritarda le procedure e decolliamo in orario.

A Torino oggi c'è un vento che pare la bora, e il volo è una tragedia (per me). Mi faccio coraggio ascoltando le risate di due bambini seduti vicino a noi, ma mentre loro si divertono io me la sto facendo sotto.
Che paura.

Amsterdam ci accoglie con una temperatura invernale, cielo nero e pioggia.




Dall'aeroporto arrivare in città è facilissimo. Prendiamo i biglietti del treno alle macchinette automatiche (paghiamo col bancomat) e appena scendiamo le scale ci troviamo sulla banchina del treno che sta arrivando (ce n'è uno ogni 10 minuti).

La stazione di Amsterdam è bellissima. Non piove, ma fa freddo. Prendiamo il tram n°4 e dopo 10 fermate scendiamo. Troviamo subito il nostro hotel che è un pochino fuori dal centro, in una zona tranquilla vicino al fiume.

La camera sulle prime mi delude. Quando prenoto mi preoccupo sempre di chiedere una stanza in un piano alto, e qui ce ne hanno data una al piano terra.
Vedendomi scontenta Lore torna alla reception. A quanto pare ce ne sono altre due libere, una con balcone che costa 20 euro in più al giorno (anche no, dato che abbiamo già speso molto) e un'altra all'ultimo piano, probabilmente mansardata, che pare essere rumorosa siccome da sul corso e senza aria condizionata.
Ci teniamo quella al piano terra.
La vista non è quella che speravo ma almeno la finestra da sul cortile. Quanto all'aria condizionata mi sembra abbastanza superflua, dato che dobbiamo accendere il termosifone (l'ho già detto che fa freddo?).

Nonostante sia già passata da un po' l'ora di cena c'è ancora il sole. Il cielo è limpido e la zona intorno all'albergo mi piace molto. Devo solo abituarmi ad attraversare la strada senza farmi investire dalle biciclette.

Ceniamo in birreria, dove le ragazze al banco sono gentili e davvero molto carine.
Come avrò modo di notare nei prossimi giorni la cucina italiana (insieme a quella orientale) è molto presente in questa città. Anche i piatti di stasera sono ispirati ai gusti italiani, con un tocco personale che a prima vista non ci azzecca molto (i semi di girasole sui pomodori, per dirne una).

In ogni caso mangiamo di gusto, e non spendiamo neanche poi tanto.

A conferma del fatto che non sono più il ghepardo di una volta, la stanchezza dovuta ai bagordi di ieri sera sommata al viaggio (anche se corto) si fa sentire.
Tocca andare a letto presto, che domani voglio essere in forma.

Tris di bruschette: pomodorini, patè di olive, prosciutto e melone.
Bruschette

Formaggio cotto e contorno.
Formaggio

Birrette e patatine fritte nel cono.
Cafè Bloemers


----------------------------------------------------
Info pratiche:

VOLO 
Torino - Amsterdam
TRANSAVIA - Biglietto acquistato a febbraio € 70 a/r con bagaglio a mano 10 kg.
In caso di voli pieni può capitare (come è successo a noi) che vi chiedano di imbarcare il bagaglio gratuitamente.

TRENO
Aeroporto Schiphol - Stazione Amsterdam
Il biglietto costa € 4 e ci impiega una decina di minuti.

MUOVERSI AD AMSTERDAM
Di fronte alla stazione di Amsterdam c'è un ufficioturistico dove si possono chiedere informazioni, acquistare biglietti, pacchetti turistici, cartine.
Nel piazzale della stazione ci sono anche le fermate dei tram. Si sale dalla porta davanti e se non avete il biglietto ve lo vende l'autista. Il biglietto costa € 2.80 e vale un'ora, va timbrato sia in entrata che in uscita.

HOTEL
ATLANTIS AMSTERDAM
Ceintuurbaan 215
Camera doppia € 85 a notte, prenotato su Booking.com. Alcune stanze sono senza finestra, conviene tenerne conto quando si prenota e chiedere espressamente "camera con vista". La nostra stanza (115) al piano terra con finestra lato cortile è piccola ma carina, il bagno spazioso.
Bollitore con bustine di tè e caffè sempre a disposizione. Personale molto gentile.

CENA
Cafe BLOEMERS
Hemonystraat 70 (angolo Ceintuurbaan)
Due piatti (bruschette e formaggio), patatine fritte, due birre medie, tot € 28.
----------------------------------------------------

Prossime puntate:
Diario di viaggio ad Amsterdam seconda parte
Diario di viaggio ad Amsterdam terza parte
Diario di viaggio ad Amsterdam quarta parte
Diario di viaggio ad Amsterdam quinta parte
Diario di viaggio ad Amsterdam sesta parte

21 commenti:

  1. Devo capire "quanto" freddo fa... ormai per me 19 gradi sono temperatura estiva,
    Comunque i prezzi non sono male, meglio che qui, ma ci vuol poco :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calcola che sono partita da Torino in canottiera, c'erano 25 gradi e lì ne ho trovati... Girare col giubbotto di pelle per me è significa che fa freddo :)
      Poi la temperatura (e il tempo) è stato più che variabile. Sole-nuvole-vento-freddino-caldo-molto freddo-caldo. Tutto così.
      Rispetto a Torino è cara, poi va a zone, come in tutte le città (che in centro ti pelano e appena fuori i prezzi sono umani).

      Elimina
    2. Ne ho trovati 15 (mi sono persa un numero)

      Elimina
  2. Siamo in 2 averci lasciato il cuore! Io mi sono innamorata di Amsterdam, è la città che sceglierei per vivere all'estero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la prima cosa che ho pensato. Se potessi scegliere una città in cui vivere direi senza dubbio Amsterdam, anche se d'inverno fa troppo freddo per i miei gusti (sono una lucertola, ho il sangue freddo, vivo bene solo al caldo).

      Elimina
  3. Cibi cibo cibooo! :)
    Vada per la mezza delusione-hotel, ma penso che il resto sia fantastico... attendo la parte 2 :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hotel l'ho apprezzato col passare dei giorni, di cibo invece ho davvero abusato :)

      Elimina
  4. Io ci sono stata tantissimo tempo fa, per ora però pare che i miei ricordi siano ancora attuali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me era la prima volta. Sono sicura che se ci fossi stata da giovincella avrei fatto sfaceli!

      Elimina
  5. in Olanda ci sono stata un secolo fa e non sai quanto mi piacerebbe tornarci perchè, anche se beccammo un'estate pessima, nei rari momenti di sole i riflessi colorati nei canali erano di una bellezza struggente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta ci vado in macchina e la giro tutta. Però ad Amsterdam ci resto almeno una settimana.

      Elimina
  6. Sono stata ad Amsterdam a novembre e faceva freddo! Ma mi è piaciuta molto, anche se abbiamo preso spesso la pioggia...attendo il resto del tuo racconto di viaggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì il clima non è tra i miei preferiti, ma la città è stupenda.

      Elimina
  7. Non sono un gran viaggiatore, ma Amsterdam mi ha sempre affascinato per tanti motivi (ho pure amici che ci abitano).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che amici fortunati! Io ci andrei a vivere di corsa.

      Elimina
  8. Ho già visto qualche foto su Facebook, ma ora sono curiosa di sapere tutto del viaggio, soprattutto visto che la città ti ha entusiasmata così! Attendo il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio tanto se ancora non ci sei stata, ti piacerebbe tantissimo.

      Elimina
  9. Sono anni che non torno ad Amsterdam (ci sono stata un paio di volte) ma ne conservo ottimi ricordi. Mi era piaciuta davvero tanto.
    Credo sia l'unica città straniera dove ho cenato in un ristorante italiano (in viaggio con noi c'era un'amica un po'... difficile) senza pentirmene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho trovato una vera e propria cucina olandese, è tutto un po fusion! La cucina italiana però va tantissimo :)

      Elimina
  10. Non ci sono mai stata ma spero vivamente di avere modo di visitarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero bellissima, te la consiglio.

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...