Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

giovedì 20 giugno 2013Aggiornato il:

Berlino - prima parte

Partiamo da Torino alle 3 di notte, il pullman arriva a Malpensa alle 5. Il volo per Berlino partirà poco prima delle sette e io ho lavorato fino a mezzanotte, quindi stanotte non si dorme. Il brutto di volare con Easy Jet è questo: la scelta degli orari è limitata, ma per quel che costa il biglietto si può tranquillamente chiudere un occhio.

Considerando l'inizio di giugno freddo e piovoso, non sapevo che clima avrei trovato a Berlino, quindi ho fatto la valigia pensando ad un abbigliamento a strati sperando di trovare bel tempo.

All'aeroporto ci stava aspettando il nostro amico Pocket, che abita a Berlino, e dopo una mezz'oretta è atterrata da Ginevra la nostra Cigo-Cigo. Eravamo così contenti di rivederci che abbiamo preso la S-Bahn sbagliata e ce ne siamo accorti solo diverse fermate dopo, ma questo tour imprevisto di Berlino non mi ha disturbata per niente. Anzi! Siamo arrivati a Shöneberg che era ancora molto presto.

Insieme ad un caffè non ho resistito al mio primo pretzel della vacanza, e dopo una lunga chiacchierata (per me decisamente terapeutica) ci siamo avviati verso il nostro albergo, che si trova a Charlottenburg. In linea d'aria è molto vicino a casa di Pocket, ma per arrivarci dobbiamo cambiare metro 3 volte.

Purtroppo la camera è disponibile dalle 15, e dopo aver lasciato i bagagli siamo stati costretti ad andare in giro. Il nostro hotel è in una zona bellissima, vicino alla Ku'damm. In una decina di minuti si arriva alla chiesa della commemorazione Kaiser-Wilhelm (Gedächtniskirche), la famosa chiesa bombardata. Purtroppo è completamente impalcata e si vede solo la parte alta della cupola. (Questo sarà uno dei tanti cantieri che troveremo in giro per Berlino.)
Proseguendo sul viale principale si arriva allo zoo, questa zona è un po' più caotica e inizio ad essere abbastanza stanca per cui torniamo indietro e occupiamo il tempo che avanza seduti in un locale perennemente affollato sulla Ku'damm, dove ci gustiamo la nostra prima, buonissima, media bionda.

Il tratto della Ku'damm vicino al nostro albergo.
Ho trovato una macchinetta dove ho pressato una monetina da 2 cent
per il mio primo souvenir di Berlino. (Una delle mie fisse)




Una volta in albergo ci concediamo un pisolino, che non ci farà certo recuperare la notte in bianco, ma è pur sempre qualcosa.
Siamo al 4° piano di un palazzo storico. La camera è molto grande e (per nostra fortuna) c'è il sole e fa caldo, ma non c'è l'aria condizionata, quindi spalanchiamo i doppi vetri (doppi nel senso che c'è una finestra sull'altra!).

L'ingresso dell'Hotel

La nostra stanza (n° 404)


Nel tardo pomeriggio facciamo una bella passeggiata in zona e arriviamo a Savignyplatz. Noto che qui a Berlino c'è gente seduta a tavola che mangia a qualsiasi ora. Un'altra cosa che mi salta all'occhio sono i prezzi: non capisco se è Torino (e l'Italia) ad essere diventata vergognosamente cara, o se è Berlino ad essere estremamente economica. Per fare un esempio, le due birre medie di oggi pomeriggio, bevute seduti nei tavolini, in pieno centro e in un locale dall'aspetto "lussuoso" ci sono costate € 4 l'una. A Torino non ne sarebbero bastati 7 di euro...

Spesso sono i particolari che rendono un posto speciale

In giro per Charlottenburg

Non può certo mancare il primo Currywürst della vacanza!

Mi sono innamorata di Ampelmann!!
(Per chi non lo sapesse è l'omino del semaforo)


Siccome arriviamo sotto casa di Pocket un po' troppo presto ci infiliamo in un locale che già stamattina aveva attirato la nostra attenzione. E' una via di mezzo tra una birreria e un ristorante, ma qui i locali sono così. E questo mi fa tornare inevitabilmente ai paragoni. Da noi è impensabile sedersi per esempio in pizzeria e ordinare solo da bere. Qui invece è normale, così ordiniamo (indovinate un po'? Birra, cos'altro vuoi bere in Germania?) e ci beviamo in santa pace la nostra media. Le cose si complicano quando arrivano Pocket e Cigo, vorrebbero unirsi a noi ma siamo in un tavolo da due e in Germania è severamente vietato aggiungere sedie a muzzo che occupano il passaggio, perciò onde evitare di far prendere ulteriormente male il già seriamente imbarazzato cameriere ce ne andiamo.

Atmosfera rilassata, tavolini all'aperto, e ottima birra.

Facciamo amicizia con due fuffolini davvero simpatici.

La birra è il leitmotiv della nostra permanenza a Berlino. Prost!


Stasera ceniamo vietnamita, a Torino non esistono ristoranti come questo, a Berlino invece ce ne sono tantissimi. Gli unici ristoranti vietnamiti che conosco sono in realtà cinesi, infatti a Torino non esiste il Pho (e sono in pochi anche quelli che lo conoscono).
L'ottima cena ci costa €41 per 4 persone, robe da matti.

Tanti ristorantini in Akazienstrasse

Involtini vietnamiti

Pho Bo (tagliatelle con brodo di manzo e spezie)

Tagliatelle saltate con tofu fritto e verdure.


Resterei a chiacchierare fino a domattina ma la stanchezza si fa sentire e il viaggio per l'hotel è lunghetto.
Ci mettiamo a letto che è mezzanotte passata, l'ora in cui generalmente per noi inizia la serata, ma sono talmente stanca che mi sembra così tardi!

Domani ci aspetta una lunga giornata di esplorazione!




----------------------------------------------------------------------------------
Info pratiche e indirizzi:

Volo Milano Malpensa - Berlino: andata ore 6:40 (arrivo a Berlino ore 8:20)
Con Easy Jet, se non si hanno particolari esigenze di date e orari (e se si è comodi per partire da Malpensa) si possono trovare ottimi prezzi.
Il biglietto a/r per due persone ci è costato in totale € 150.

Berlin Welcome Card72 ore, valido per le zone ABC € 26,50
Tessera fatta alle macchinette subito fuori dall'aeroporto. Valido per tutti i mezzi pubblici.

Grand City Hotel Berlin Zentrum - Meinekestr. 10, Charlottenburg, Berlino.
Camera doppia € 139 per 3 notti.  

Ottima birra a prezzi contenuti in pieno centro:
Alt Berliner Biersalon - Kurfusterdamm 225/226
www.altberlinerbiersalon.de

Oggettistica per la casa e lo svago, perfetta per un regalino da portare agli amici anche se non è caratteristica di Berlino in quanto francese: Pylones. Io ho visitato il negozio sulla Ku-damm. www.pylones.com/de/

Ristorante-birreria Heuberger - Gotenstrasse angolo Cheruskerstrasse.

Ristorante vietnamita Choice - Akazienstr. 9, Schoneberg

--------------------------------------------------------------------------------


21 commenti:

  1. io penso come te che l Italia sia vergognosamente cara e Berlino fantasticamente economica, tra l altro l offerta per mangiare è incredibile io ho puntato su ristoranti vegetariani, non sono vegetariana ma adoro le verdure e a Verona ancora non abbiamo nessun ristorante vegetariano..mangiato a dir poco benissimo e speso poco poco poco..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh forse proprio tutta l'Italia magari no, ma di certo in proporzione ai nostri stipendi andare a cena fuori sta diventando un piccolo lusso.
      A Berlino ho mangiato bene e speso poco, ed è un dato di fatto che lì i ristoranti sono sempre pieni per davvero.

      Elimina
  2. Siiiiiiiiiiiiigh che invidia! Perfino a Milano che si spaccia per città dove c'è di tutto esiste un solo vietnamita carissimo. Mi sono innamorata della cucina vietnamita a Londra e la sogno da allora.
    Mi piacciono molto anche i currywurst e le birre (ma io sono per le rosse ;P).
    Bell'albergo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui a Torino fanno gli involtini vietnamiti e basta. D'altra parte ci fosse un ristorante cinese con un menu che propone ramen! In Cina si mangia solo ramen, ovunque. Qui spacciano per cucina cinese i soliti involtini primavera e riso alla cantonese... Mah!

      Elimina
  3. Berlino è una città che vorrei visitare da tempo - mi dicono tutti sia bellissima - ma ancora non ho avuto modo. Per quanto riguarda i prezzi credo che la Germania in generale sia molto più economica dell'Italia, anni fa andai a Dortmund in scambio culturale e lo scarto tra i prezzi mi lasciò veramente a bocca aperta.
    L'unica controindicazione per me è che non sono una grande fan della birra. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, a Berlino non è obbligatorio bere birra ^__^
      La vera tragedia è trovare un buon caffè!

      Elimina
  4. Mi manchi un casino, sento già la nostalgia e volevo ringraziarti per essere venuta a Berlino. Ritrovarsi come se il tempo non fosse mai passato. Un abbraccio. Cigo-Cigo

    RispondiElimina
  5. che bello, adoro Berlino! ci sono stata qualche anno fa e me sono innamorata *__*

    e sì, i prezzi dei bar/ristoranti in Italia sono vergognosi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero un peccato, ma bisogna considerare che loro hanno l'Iva al 19%, forse qualcosa incide.

      (Me ne sono innamorata anch'io!!)

      Elimina
  6. Cara Simo, come sempre i tuoi post sono bellissimi! Anche a me mancate tutti tantissimo. Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  7. Sì, noto una particolare propensione per la birra in questa vacanza ;-D
    ... non mi parlare di prezzi cari ... ormai non faccio neppure più il cambio tra sterlina ed euro per non piangere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino. In effetti ho già rimandato due volte la visita di Londra per i costi (la prima volta ha vinto Lisbona, che è un'altra città super economica).

      Elimina
  8. A Berlino non ci sono mai stata e, come sempre, faccio tesoro dei tuoi post. Al vietnamita non ho mai mangiato ma adesso mi è venuta una gran voglia di provare ^^

    PS Rispetto all'Inghilterra, l'Italia è super economica XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti chef famosi considerano la cucina vietnamita tra le più buone del mondo. E' ora di andare in Vietnam per provare quella originale!

      Elimina
  9. Siamo stati questa sera al Choice, il ristorante vietnamita che hai citato, e ci siamo trovati bene, e pur non essendo esperti di cucina orientale, pensiamo di aver mangiato bene, tanto e di aver speso relativamente poco.
    Elle & Alli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa molto piacere! Salutatemi Berlino, buona vacanza!!

      Elimina
    2. Va bene ... sarà fatto. Questa sera cena fi pesce sul bacone. Qui non si muore di fame.
      Elle&Alli

      Elimina
  10. A Berlino rimasi stupita anche io da come costava tutto pochissimo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono convinta che è Torino ad essere diventata troppo cara. Ogni volta che viaggio in Europa mi stupisco dei prezzi, ma come è possibile?

      Elimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...