Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

giovedì 27 settembre 2012Aggiornato il:

SWFC: Shanghai dall'alto



Diario di viaggio in Cina, giorno 10
11 agosto 2012 - Seconda Parte -


Questa è l'ultima sera che passiamo a Shanghai e per fortuna il tempo è bello.
La passeggiata sul Bund è piena di turisti che si fanno fotografare con i grattacieli alle spalle. E' pazzesco quanta gente stiamo vedendo in questi giorni. Si sa che i cinesi sono tanti, ma solo quando ti ci trovi in mezzo riesci davvero a farti un'idea.

Il cielo azzurro, pochissime nuvole e le luci che iniziano ad accendersi.
Il fascino di Shanghai passa attraverso i suoi grattacieli.

Stasera vogliamo salutare Shanghai dall'alto di uno dei suoi dei grattacieli (una cosa a cui pensavo già mentre organizzavo questo viaggio).
Per andare a Pudong ci sono 3 modi: la metropolitana, il tunnel psichedelico, e il traghetto. Noi scegliamo quest'ultimo, che è il mio mezzo di trasporto preferito (insieme al treno).



Fa buio in fretta, e uno dopo l'altro i palazzi si illuminano, rendendo l'atmosfera davvero magica.

Intanto intorno a noi si è creata la solita ressa di gente che aspetta il traghetto. Ovviamente chi è arrivato dopo spinge per passare avanti, e appena si può salire tutti si mettono a correre per arrivare per primi.
Nonostante tutto riesco a guadagnare una buona posizione per godermi lo spettacolo e fare qualche foto decente.

Anche i palazzi del bund si illuminano esaltando le linee eleganti.

Il "viaggio" dura un quarto d'ora scarso, e si arriva a Pudong in una zona distante una decina di minuti dai grattacieli. C'è da camminare un po', ma prima bisogna farsi largo tra i tassisti che provano in tutti i modi di attirare la nostra attenzione per accompagnarci.

Il traghetto

La scelta tra i grattacieli è piuttosto scontata: se devo salire in alto, che sia il PIU' alto! Dunque seguiamo le indicazioni per il Shanghai World Financial Center (SWFC, il grattacielo a forma di cavatappi) e ci mettiamo in coda. Non c'è molta ressa, ma i tempi d'attesa sono giustificati. Fanno entrare solo un certo numero di persone per volta.
Dopo aver fatto il biglietto si segue un percorso fatto di scale mobili, passando attraverso una sala dove c'è un modellino di Shanghai.

In pochi minuti questo modellino ci fa vivere 24 ore a Shanghai

Arriviamo in una stanza completamente nera. Sul soffitto ci sono dei numeri molto grandi che seguono l'altitudine dell'ascensore e ci indicano a quanti metri si trova. La cifra decresce velocemente, sta arrivando.

Al momento dello scatto l'ascensore si trovava a 200 metri, come indica il countdown sul soffitto.

Non ho parole per descrivere l'esperienza nell'ascensore. Sembra di esser saliti su un razzo e di aver dimenticato al piano terra lo stomaco. La reazione comune è uno stupore misto a disagio con una vaga sensazione di paura. Io in queste situazioni vengo presa dal morbo della ridarella.
(Se guardate il video che ho messo un po' più giù potete verificare).

Appena usciti dall'ascensore non ci roviniamo la sorpresa e saliamo subito al piano n° 100. L'impatto, per quanto mi riguarda, è spaventoso. Siamo in alto, troppo in alto. Il pavimento trasparente non aiuta ad ambientarsi, l'impatto è troppo forte! (Ve l'ho già detto che soffro di vertigini?)

Appena passata un po' la paura, mi rendo conto che sono in un posto davvero incredibile. In una targa c'è scritto che siamo nell'osservatorio più alto del mondo, record che verrà probabilmente battuto dal nuovo grattacielo che stanno costruendo proprio di fianco.

La vista è pazzesca. Sembra di stare su un'aereo...invece è un palazzo!

Accucciata sul pavimento trasparente al 100° piano.
Alle mie spalle la Jin Mao Tower, la Oriental Pearl Tower
e tutti gli altri grattacieli in confronto sembrano persino bassi.

Il principale effetto collaterale di un edificio così alto è che si ritrova spesso "fra le nuvole". Nel vero senso della parola. Spesso nelle giornate poco limpide nello skyline di Shanghai la SWFC sparisce tra le nubi.
Stasera succede lo stesso mentre stiamo per spostarci agli osservatori più bassi: scendiamo al 97° piano e ci troviamo al di sotto delle nuvole. Chi sale adesso al 100° piano non riuscirà a vedere niente.

Al 97° piano c'è comunque una vista mozzafiato.

Al 94° piano l'osservatorio è minuscolo, ed è in secondo piano rispetto al bar e alla zona dei souvenir. Costa tutto troppo caro e non cedo alla tentazione, anche se qualcosa è proprio originale.

Un ventaglio intagliato con i profili dei grattacieli. Oltre ad essere geniale è davvero molto bello.

Ecco il mio video!



Chiudiamo la nostra permanenza a Shanghai con l'ultima follia. Una cena notturna nelle vie sotto casa, tra motorini e pattumiera della serie: se non stiamo male stavolta non staremo male mai*.

Il tempo in vacanza trascorre in maniera ingannevole. Se ci penso, ad esempio, il tifone mi sembra una storia successa settimane fa. Mi affeziono troppo in fretta ai posti e mi dispiace sempre andare via.

Arrivederci Shanghai, prima o poi tornerò.

Spiedini ultra piccanti con birra usata come estintore.




*Per la strada le condizioni igieniche possono spaventare ma devo fare alcune precisazioni. La carne viene cotta molto bene, per cui è cibo al 99% sicuro. Il pattume che si vede per terra, sparisce il mattino dopo prima dell'alba, e tutta la zona torna pulita.


-----------------------------------------
Info pratiche:

SWFC
Osservatorio 94° piano 120 RMB
Osservatorio 97° + 100° piano 150 RMB
Metro Line 2 Lujiazui station (exit 6)
oppure traghetto dal Pier Dongchang Road
----------------------------------------


22 commenti:

  1. soffro anche io di vertigini e sei stata molto brava a descrivere la "gita in cielo"...mi e' venuto il batticuore e mi manca il respiro come se fossi stata li'!!! XD

    pero', come te, credo che mi sarei fatta coraggio anche io per osservare quel meraviglioso panorama...ho anche guardato il video...mamma miaaaaa!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un po' come andare in giostra, fa paura ma poi...è troppo divertente! Sono molto migliorata, pensa che parecchi anni fa a Parigi non ho avuto il coraggio di salire sulla Tour Eiffel!

      Elimina
  2. Ho letto un po' di corsa perché sono quasi in partenza, ma mi sono goduta bene le foto: che meraviglia! Hai fatto bene a lasciare per ultimo l'osservatorio, è un modo perfetto per dire arrivederci alla città abbracciandola tutta dall'alto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono trovata davvero bene a Shanghai, anche se pochi giorni non bastano a conoscerla davvero. Sto seminando pezzetti di cuore in varie parti del mondo!

      P.s. Te l'ho detto molte volte: sono emozionata per te! Ti auguro di vivere un'esperienza meravigliosa.

      Elimina
  3. salendo sul burj khalifa a dubai ho avuto la stessa sensazione di stare in aereo. e l'ascensore era simile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la invidio, molto quella esperienza lì!! (Nonostante i problemi culturali di cui si è discusso da te penso che Dubai sia una città da vedere).

      Elimina
  4. Ho i brividi! Posso solo immaginare le tue sensazioni salendo lassù, penso sia quel misto si tensione ed emozione insieme che la rende un'esperienza unica.
    Il ventaglio mi piace moltissimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credi se ti dico che l'ho fotografato pensando a te e ai tuoi ritagli?

      Elimina
  5. Che meraviglia! Io ora ci abito ad un'ora, da Shanghai! Ma con due piccole pesti... uhm... ce la farò a fare una tale splendida gita notturna? Comunque Shanghai ha stregato pure me! Complimenti per le foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le piccole pesti si divertirebbero sicuramente!

      Elimina
  6. Ah ah.. le conosco quelle cene! Per fortuna però non siamo ancora arrivati alla fase del 'questa è la volta che sto male'!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può andare in Oriente e non provare il cibo di strada! Io credo di avere uno stomaco di ferro, fin'ora sono sopravvissuta a tutto!!

      Elimina
  7. Bellissimo l'osservatorio panoramico (adoro le foto dall'alto). Non so se l'ho scritto da qualche parte ma anche io soffro tremendamente di vertigini ma, non so bene come mai, finisco sempre per salire su tutte le torri, campanili e terrazze panoramiche possibili (poi scendere è sempre un casino) XD

    Il posto peggiore del mondo per le vertigini è la Torre Tavira di Cadice. Una torre nemmeno troppo alta ma, un essere sadico chiamato architetto, ci ha messo all'interno una scala in vetro. Maledetto simpaticone, si vede sotto! Si ha l'aria di camminare nel nulla! Dopo che sono passata di lì, probabilmente, è rimasto un mese incollato al water per tante che gliene ho mandate! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me la sono fatta sotto quando sono salita sulla Sagrada Familia...
      Mi sa che anche tu, come me, la prendi come una sfida! La devo combattere questa paura dell'altezza, anche se lì per lì mi chiedo chi me l'ha fatto fare...

      Mh... Torre di Cadice eh? Me la devo segnare....

      Elimina
  8. Io ci sono stata sopra le nuvole, a 3000 m di montagna però :). Ma sui grattacieli soffrirei le vertigini, specie se dovessi sporgermi fuori!
    Quegli spiedini hanno un aspetto succulentissimo, chissenefrega della monnezza per strada, la carne è cotta! Mmmm, esperienze culinarie d'oriente, quanto le vorrei fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo paura che qualcuno rimanesse sconvolto per le condizioni poco igieniche invece noto con piacere che il fascino del "vissuto per la strada" raccoglie consensi!
      ...Gli spiedini erano deliziosi :)

      Elimina
  9. Cavoli che bello...e che panico!!!
    Io mangio (quasi) di tutto ovunque se non mi fanno terrorismo psicologico come in messico (giustificato peraltro, anche se siamo stati attenti siamo stati male entrambi).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa avete mangiato? A me la cucina messicana fa una gola...

      Elimina
  10. Mamma mia che spettacolo la vista da quell'altezza. Prima di vedere il tuo filmato pensavo che l'ascensore fosse tutto a vista ma salire per tutti quei piani mentre sali e le porte non si aprono mai, dev'essere leggermente claustrofobico. Le mi vertigini sono messe a dura prova quando sono a pochi metri figuriamoci lì. Devo ringraziarti, ti assicuro che è bello anche solo leggere di questa tua esperienza. Non è certo come esserci ma è molto emozionante. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, sei sempre molto gentile.
      Penso che per certe altezze e velocità un ascensore all'aperto farebbe star male un sacco di gente! E' stata una bella esperienza (vertigini a parte). :)

      Elimina
  11. Quando sono stato a Shang Hai la prima volta, al posto dei grattacieli c'era un'isola di sabbia... dopo 3 anni c'era Manhattan! Che mondo fantastico.

    RispondiElimina
  12. Non riesco a immaginare come sarà tra 10 anni... E' una di quelle città in cui bisognerebbe andare ogni tanto solo per vederne l'evoluzione.

    RispondiElimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...