Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

martedì 22 maggio 2012Aggiornato il:

Lisbona e le meraviglie di Belém



----------------------
Martedì 8 maggio


Stamattina è ancora un po' nuvoloso, ma almeno non piove. Dopo una bella colazione in camera andiamo in Piazza del Commercio a vedere il Tago, e poi carichiamo sulla nostra tessera Viva Viagem il biglietto giornaliero (€ 5) perchè oggi ci sposteremo parecchio con i mezzi. In particolare ci servirà sul tram elettrico 28, dove ogni corsa costa ben € 2,85.

Il viaggio sul 28 è una di quelle cose turistiche da fare assolutamente! Lo prendiamo per salire al Castello Sao Jorge e in alcuni tratti la salita è lenta e ripida, passando attraverso strade così strette che se si allunga una mano sembra quasi di poter toccare i palazzi.

In Rua Conceiçao per prendere il tram 28


Il tram ci lascia in un punto panoramico dove si vedono i tetti delle case e il fiume, il cielo si sta aprendo e finalmente si intravede qualche raggio di sole che alza la temperatura di botto: inizia a fare caldo.

Piccola parentesi gattosandresca: I gatti di Lisbona

 Il Castello è in cima a una collina, da cui la vista sulla città merita la fatica di aver camminato fin qui. Intorno al Castello le vie sono tranquille e sembrano appartenere ad una cittadina ferma nel tempo. Il silenzio è rotto solo dalle grida festose che provengono da una scuola elementare dove probabilmente stanno facendo ricreazione. Ci perdiamo in quelle vie senza una meta precisa, e arriviamo in un piccolo bar dove ci fermiamo a bere una birra fredda riposando un po'.

 L'ingresso al Castello Sao Jorge

Le viuzze vicino al Castello

L'interno di un bar

Riprendiamo il tram 28 e torniamo indietro. La nostra prossima tappa è Belém, e ci arriviamo prendendo il tram 15 da Rossio. Il percorso è abbastanza lungo (mezz'ora scarsa) e ci permette di vedere altre zone di Lisbona che probabilmente per mancanza di tempo non riusciremo a visitare.

Scendiamo una fermata prima e facciamo una lunga camminata costeggiando il fiume, arrivando al porto e al Monumento alle Scoperte. E' davvero imponente e volendo si può entrare a prendere l'ascensore per salire in cima, ma preferiamo andare oltre.

Il Monumento alle Scoperte
Rappresenta la prua di una caravella protesa verso il fiume Tago

Siamo in giro da parecchio tempo, ed è ora di mangiare qualcosa. Prendiamo il sottopasso pedonale e andiamo dalla parte opposta della grande strada (rispetto al centro di Lisbona qui le dimensioni e le distanze sono enormi). Ci troviamo nel giardino dell'imponente complesso monastico del Monastero dos Jeronimos. Credo che per visitarlo ci voglia una giornata intera!

Scappiamo dai ristoranti che tentano di acchiappare i turisti al volo e ci infiliamo in un bugigattolo dove mangiamo un bel panino. Di fronte c'è la famosa Pastelaria de Belèm. Per fortuna non sono una appassionata di dolci, e rinuncio a provare questa specialità perchè c'è una coda lunghissima lungo tutto il marciapiede.

Mosteiro dos Jerónimos

Torniamo sul lungofiume e andiamo alla Torre di Belém. E' una delle costruzioni più famose, e io ci tenevo particolarmente a visitarla. Si può scendere a visitare la parte dove ci sono i cannoni e più sotto le prigioni con i soffitti bassissimi. Salendo invece ci sono diversi saloni con balconate da cui si gode di una vista meravigliosa che un po' mi commuove.

Dentro la Torre de Belém

La scala a chiocciola per salire ai vari piani della torre è stretta e unica sia per salire che per scendere. Quando c'è un po' di "traffico" bisogna aspettare un pochino.

La vista è stupenda, e sta anche uscendo il sole.

Da una balconata della torre si vede il Tago, il Ponte 25 aprile
e il cielo blu che si sta facendo strada fra le nuvole.

Il Tago sarà anche un fiume ma a me sembra il mare.
Laggiù in fondo c'è l'Oceano e l'Europa finisce.

Lasciamo Belém e torniamo a Baixa. Sul 15 chiacchieriamo con una signora portoghese sui 60 molto interessante, che con calma ma fermezza si mette a insultare in inglese un gruppetto di ragazzi che non sapendo come aprire le porte del tram hanno la brillante idea di prenderlo a calci.

Un saltino veloce in albergo giusto per lasciare la felpa e mettermi i sandali e nonostante la stanchezza usciamo a goderci il sole e il cielo azzurro di Lisbona. Siamo passati dai maglioni di ieri alla canottiera, e a cambiare così in fretta non è solo il nostro abbigliamento: con la luce e il calore del sole anche la città subisce una metamorfosi: se ieri mi sembrava bella oggi lo è diecimila volte di più. 

Andiamo alla ri-scoperta di Lisbona dal Largo Chiado alle vie del Bairro Alto, finendo in un chioschetto a guardare il fiume.  

 Sole splendente e Lisbona cambia faccia.
I palazzi assumono un colore brillante e la gente esce per strada.
Quella che ci era sembrata una città deserta e tranquilla di colpo
si anima e ci mostra il suo volto vivace e accogliente.

In questa foto il cielo sembra disegnato.

Faccio due chiacchiere col mio amico Fernando al Cafè A Brasileira.

Elevador da Bica
Assomiglia a un tram ma è una funicolare.
Questa foto rende bene l'idea delle salite (e discese) che ci sono a Lisbona,
una città dove ci si tiene in forma senza doversi iscrivere in palestra!

Pausa rilassante ai tavolini di un chiosco, con una vista stupenda


Per cena torniamo al Bairro Alto, e andiamo al Ristorante As Salgadeirs. Ha prezzi un po' più alti rispetto a quelli che abbiamo provato fin'ora ma la qualità del cibo, l'ambiente e il fantastico vino promuovono a pieni voti questa scelta. Alla fine non spendiamo neanche poi tanto, € 58 in due.

Ottima bottiglia di vino

Aperitivo con un formaggio così buono da leccarsi le dita

"Lulas recheadas à Salgadeiras"
Seppie ripiene di carne con purè di patate

"Polvo à moda do Minho"
Polpo in casseruola con patate al forno

Ci facciamo una bella passeggiata per tornare in albergo, allungando di parecchio per andare a vedere il Ponte 25 aprile illuminato. E' un po' tardi e in giro non c'è molta gente, ma la sensazione è di camminare in una città assolutamente sicura. Da turisti la percezione è sicuramente falsata dal piacere di trovarsi in un posto nuovo, ma non avverto nessun senso di pericolo.

E' ora di andare a dormire, domani andremo a Sintra.





Appunti di viaggio:

- Castelo de Sao Jorge (ingresso € 7.50)
  
- Monumento alle scoperte - Belém, Avenida de Brasilia (ingresso € 3)
Mosteiro dos Jerónimos - Belém, Praça do Impeiro (ingresso € 7)
- Torre de Belém -  Belém, Avenida da India (ingresso € 5)
   
- Ristorante as Salgadeiras Rua da Salgadeiras 18 (Bairro Alto)


21 commenti:

  1. Che posti meravigliosi!!! Grazie per aver condiviso con noi le foto :)
    p.s i tram sono straordinari, li trovo bellissimi, molto storici e letterari !!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono fissata con i tram! (E anche i treni)

      Elimina
  2. Che posti stupendi. Prima o poi ci andrò anche io.
    A proposito, anche io sono piena di foto di gatti stranieri ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io se non incontro almeno un gatto in vacanza ci rimango male!

      Elimina
  3. bellissimo post! se mi permetti faccio qualche specifica ^_^
    il 28 è turistico, è vero, ma lo usano anche i portoghesi quotidianamente (come anche i quattro elevador presenti in città)
    non ci posso credere che non hai assaggiato le pasteis de belem! lo so che la fila è lunga, ma c'è un piccolo trucco: una porta laterale che permette di accedere ai tavoli e saltare la fila al bancone. lo dico per i prossimi che visiteranno belem.
    non sono una gran fotografa, ma a volte il cielo di lisbona lascia interdetta anche me, sembra photoshoppato!
    la foto fatta dal chiosco è vicina all'adamastor, una specie di nettuno scolpito nella pietra. l'avete visto? qui è un'istituzione.
    il formaggio di cui parli è il queijo da serra, è stato eletto uno delle 7 meraviglie culinarie del portogallo.

    sono felice che ti sia piaciuta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sul 28 c'erano soprattutto portoghesi, ma immagino (e spero) che per loro i costi siano normali. Ho visto che hanno tutti una tessera personale che passano su tutti i mezzi.

      Quel formaggio me lo sogno di notte, possibile che in Italia non si trovi????

      Elimina
    2. i prezzi sono quelli :-/ però ci sono agevolazioni per determinate persone, tipo i ragazzi (e forse anche per reddito, ma non ne sono sicura). poi considera anche che quello è il prezzo fatto a bordo e che ci sono gli abbonamenti mensili.
      non ho idea se il formaggio si trova in italia, perché quando torno ho considerevoli arretrati con il sig. parmigiano, non ho occhi che per lui ;)

      Elimina
    3. Cavolo ma allora è davvero carissimo! Io pensavo fosse un prezzo per turisti...
      (Beh, il parmigiano è il re!)

      Elimina
  4. I tram e le funicolari mi piacciono molto, danno l'impressione di essere in un'altra epoca.
    Mmm io credo non sarei riuscita a resistere alla pasticceria nonostante la fila! Tanto poi a camminare con tutti quei sali e scendi avrei smaltito tutto in un attimo :)
    Ps. ottima l'idea di aggiungere i prezzi e le info pratiche sui vari luoghi visitati, di certo userò il tuo diario di viaggio come base se dovessi andare a Lisbona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mangio dolci ma mi abbuffo di altro :)

      (I link sono stati aggiunti su ottimo consiglio di rompina)

      Elimina
  5. Che posti stupendi!!Lisbona mi solletica da un po', chissà che si riesca ad andare quando saremo più sereni :)))
    Le foto sono bellissime!Quella del gatto alla finestra, poi, è la mia preferita! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel gatto si è fatto fare un servizio fotografico da top model!

      Elimina
  6. Bellissime foto... sia di panorami che di piatti...
    Grazie per avermi fatto vedere i posti meravigliosi...

    RispondiElimina
  7. Sono contenta che ti sia piaciuta! E' un peccato vederla col brutto tempo, perche', come hai potuto notare, col sole e' tutta un'altra cosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ci sono città belle anche sotto la pioggia ma col sole è tutta un'altra cosa!

      Elimina
    2. Sì, ma a me Lisbona sotto la pioggia mette un po' tristezza, mentre col sole l'adoro!

      Elimina
  8. che bella Lisbona, quando sono stata in Portogallo purtroppo non sono riuscita a visitarla, ma prima o poi...!
    il formaggio di cui parli credo (CREDO) si possa trovare ai vari stand portoghesi che ci sono alla Fiera dell'Artigianato di Rho (la fanno ogni anno intorno al ponte dell'Immacolata)...non sono certa si tratti dello stesso formaggio, ma io ne ho preso uno simile, si taglia la parte superiore della piccola forma e dentro e' cremoso...sapore intenso, buonissimo, da spalmare sul pane...ti torna? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi tocca venire alla fiera dell'artigianato!!

      Elimina
  9. ah!!! ora sono io a prendere nota dei tuoi appunti!!! Ho appena aggiunto Lisbona alle mie prossime mete..

    RispondiElimina
  10. Io ho già nostalgia... Vedrai che ti piacerà tantissimo!

    RispondiElimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...