Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

sabato 22 ottobre 2011Aggiornato il:

Giappone 2011 - Yokohama



Diario di viaggio in Giappone
Martedì 16 agosto 2011


Stamattina andiamo a Yokohama!

La stazione di Yokohama col soffitto vetrato e le piante tropicali assomiglia un po' a una serra
Yokohama

Da Shibuya  con la linea Tokyu Toyoko ci si arriva in 30 minuti. A giudicare dall'ufficio del turismo alla stazione Yokohama non sembra affatto una città turistica. La signora al banco informazioni ci guarda come se fossimo marziani, con un po' di fatica otteniamo la cartina della città e alcuni depliant. Forse è stato un problema di incomprensione a causa della lingua, ma sembrava proprio volerci dire "Ma che ci siete venuti a fare qui??"



In effetti, appena usciti dalla stazione, vedendo l'enorme autostrada sopraelevata e tutto intorno solo palazzi e cemento il dubbio è venuto anche a me.
(Mi sono ricreduta non appena ho visto il mare).

Dalla stazione andiamo a piedi a Minato Mirai (passando per il Mitbubishi Building). Questa è la zona nuova di Yokohama, con i grattacieli: il Landmark Tower è il grattacielo più alto del Giappone (296 metri) ed è dotato di un ascensore che è al 3° posto tra i più veloci al mondo (dopo il Burj Khalifa di Dubai e il Taipei 101). Per arrivare all'osservatorio che si trova al 69° piano ci si impiega solo 40 secondi!
Arriviamo in un'isola artificiale dove c'è la ruota panoramica sopra a un intreccio di montagne russe.

Nissan Global Headquarters Gallery:
Piccolo photo-reportage della mia macchina dei sogni: la GTR
in questa versione bianca con gli interni rossi e rosa
(Bellissima)
Nissan Global Headquarters Gallery
Nissan Global Headquarters Gallery
Nissan Global Headquarters Gallery
Nissan Global Headquarters Gallery

Giusto per ricordarci che siamo in Giappone, questo furgone Hello Kitty spettacolare curato nei minimi particolari
Nissan Global Headquarters Gallery

Andiamo a vedere il veliero Nippon Maru, dove ho preso il ventaglio del nuovo film dello Studio Ghibli. Essendo ambientato proprio qui a Yokohama ho la fortuna di trovare diversi gadget e poster gratuiti.
Sempre seguendo il lungomare arriviamo ai Red Brick Warehouses (in giapponese Soko Akarenga), i magazzini che venivano usati quando questa zona era un porto. Adesso sono diventati un luogo turistico con negozi e ristoranti.

Nippon Maru
Nippon Maru

Non ho ancora parlato del tempo, ormai credo sia superfluo ripetere quanto faccia caldo. Oggi poi non c'è una nuvola e il sole picchia così forte che mi pento di non avere una crema solare.

Ne avevo sentito parlare e per la prima volta ci capito! Questa è l'esposizione di case in vendita. Entri, vedi la disposizione delle camere, dei piani e scegli quale farti costruire! E' geniale.
Yokohama

Proseguiamo per Osanbashi Pier (il molo dove si fermano le navi da crociera) e passando su un ponte guardo in giù verso l'acqua e quasi mi prende un colpo! Ci sono centinaia di meduse e un po' più in profondità ci sono due razze, una molto grande, l'altra più piccolina, che nuotano insieme nell'acqua di un blu intenso. Mi hanno sempre detto che l'acqua vicino ai porti è brutta, qui a Yokohama non è per niente vero!
Camminiamo da parecchio ormai, e quando arriviamo al Parco Yamashita ci fermiamo per una pausa e ne approffittiamo per mangiare qualcosa. Sotto gli alberi si sta un pochino meglio. Questo parco è molto rilassante, la vista del mare aiuta molto!

La ruota panoramica di Yokohama, "Cosmo Clock 21". Sotto ci sono diverse "linee" di montagne russe. L'enorme edificio alle spalle della ruota è l'InterContinental.
Yokohama

Le barche ristorante
Yokohama

Yokohama Red Brick Warehouse
Yokohama

Una bellissima vista di Yokohama dal porto
Yokohama

Tombino
Yokohama

Yamashita Park
Yokohama

Ci rimettiamo in marcia e arriviamo alla fontana del Protettore del Mare . Da qui ha praticamente inizio Chinatown. Sono molto curiosa di vedere com'è ma anche un po' scettica: quando siamo stati a Nagasaki la tanto famosa Chinatown è stata un po' una delusione. Appena passiamo una delle porte che circondano il quartiere però mi devo subito ricredere: è un posto incredibile! Pacchiano, certo, ma bellissimo, colorato, pieno di ristoranti e profumi. I negozi di souvenir sono pochi, ma tanto a mio parere non c'è niente che merita d'essere comprato. Meritano invece tutti i ristorantini e chioschi che vendono soprattutto ravioli al vapore. In alcuni posti li preparano sul momento, e dalla coda che troviamo in uno di questi deduciamo che deve essere sicuramente il migliore. C'è una via principale intersecata da tante viuzze più piccole, tutte con il nome di una località (Hong Kong, Canton, Pechino ec...)
Senza dubbio è un posto molto turistico, per certi versi può sembrare fasullo, un po' forzato.
A me però è piaciuto tantissimo ed è un posto dove mi piacerebbe tornare.

Statua del Dio del Mare
Yokohama

La stazione di Polizia di Chinatown
Yokohama

Il rosso è il colore predominante
Yokohama

Ravioli al vapore take-away
Yokohama

Una delle porte di Chinatown
Yokohama

Bancarelle, negozi e lanterne in un mix festoso
Yokohama

Davanti ad alcuni ristorantini nelle vie più strette ci sono lunghe code di gente in attesa di entrare.
Yokohama

Colori, profumi e tanta gente per le vie di Chinatown
Yokohama

La nostra visita di Yokohama si conclude qui, ora bisogna tornare alla stazione. Considerato quanto abbiamo camminato per arrivare a Chinatown decidiamo di prendere il Bus Loop per tornare indietro. Questo Bus, che costa 100 yen, fa il giro delle principali attrazioni. Purtroppo c'è un traffico bestiale, e dopo quasi 40 minuti abbiamo sì e no fatto un quarto di strada. Scendiamo, le nostre gambe sono molto più veloci e affidabili, meglio farcela a piedi!

Il viaggio di ritorno per Shibuya mi sembra più lungo rispetto all'andata, forse perchè c'è più gente e per il primo tratto dobbiamo stare in piedi. Seduta di fianco a me una bambina dorme abbracciata a suo papà (che dorme anche lui). Sono molto teneri.
Alla stazione di Shibuya scendiamo al reparto alimentari del supermercato Tokyu in cerca di una bottiglia di whisky da regalare ma purtroppo non troviamo niente che faccia al caso nostro.

La 'mia' adorata Shibuya
Shibuya

Stasera andiamo a Omotesando. Abbiamo deciso di cenare a Cat Street ma siccome è ancora un po' presto facciamo una bella passeggiata fino a Aoyama dori. Ci sono dei fuochi d'artificio! Non so bene dove, siccome li vediamo riflessi in un grattacielo... Da qui si vede anche la Tokyo Tower tutta illuminata.
Mi sta venendo un po' di malinconia. (Vorrei stare qui ancora un po'...)

Un sushi restaurant a Omotesando
Omotesando

Torniamo a Cat Street e andiamo alla locanda F.Q. un ristorante italiano molto carino dove ci gustiamo una buonissima cena romantica di quasi fine vacanza.

Antipasto misto
locanda F.Q.
Formaggi misti
locanda F.Q.
Spaghetti al ragu di manzo giapponese
locanda F.Q.
Spaghetti ai frutti di mare
locanda F.Q.

Mentre torniamo a casa ci incuriosisce un ragazzo che osserva qualcosa sul marciapiede e tira fuori la macchina fotografica...ci avviciniamo anche noi, ma cos'è? ...Mah...com'è possibile?? Un granchio! Anche abbastanza grosso....sarà mica scappato da qualche ristorante?!

Solita tappa al Family Mart sotto l'albergo (a cui ci siamo affezionati, anche se è davvero un po' trasandato) e mentre compriamo la birra troviamo una bottiglia di wisky, perfetta come souvenir!
Una volta in camera prendo una decisione sofferta: devo iniziare a fare le valigie, perchè se davvero non riesco a chiuderle non ho più molto tempo per comprarne un'altra.
...INCRDIBILE!! (credo) di aver fatto stare tutto!
Certo, ci siamo dovuti stendere sopra in due, ma a quanto pare si chiudono!

 Aoyama-dori di notte
Aoyama-dori
 Omotesando by night
 Omotesando


*Calcolo del percorso fatto oggi a piedi:
-Yokohama: circa 10 km
- Shibuya: circa 2.5 km
- Omotesando: circa 4.2 km


Extra: Omotesando by night




8 commenti:

  1. ho letto di yokohama soprattutto per chinatown. purtroppo io l'ho scartata nel nostro viaggio, bisogna per forza rinunciare a qualcosa T_T molto belle le foto!

    RispondiElimina
  2. La prima volta per mancanza di tempo ho saltato sia Nikko che Kamakura! Però Yokohama è davvero vicina, in una mezza giornata si riesce a vedere almeno Chinatown. Quanti giorni stai a Tokyo?

    RispondiElimina
  3. stiamo 7 notti, ma un giorno va per nikko, uno per kamakura, una mezza giornata per il museo ghibli e un'altra per la tokyo international anime fair, che (culo!) si terrà proprio il primo week end dopo il nostro arrivo =)

    RispondiElimina
  4. Ah! Non vi resta molto tempo per la città! Io i biglietti per il Museo Ghibli li avevo presi in anticipo insieme al Japan Rail Pass, è un posto meraviglioso!!

    RispondiElimina
  5. infatti... sì, acquisteremo anche noi in anticipo quelle cose =)

    RispondiElimina
  6. Non sono stata nemmeno qui :(
    Che bello vedere razze e meduse nuotare nel porto! Qui sarebbe fantascienza!

    RispondiElimina
  7. Buongiorno Ciccola,
    Il comune di Yokohama è molto buono per vivere!
    Ma...è vero,proprio la stazione di Yokohama può darsi che quasi non ci siano turisti.
    In verità,non ci vado spesso,forse una e due volte all'anno(>_<)
    Però la zona del porto e Yamate,panorama notturo del porto,Sankeien(giardino),la fabbrica di birra KIRIN,e.c.c...sono bellisime.
    Prossima volta se ci sara il tempo provi a visitare ancora,ti prego(^_-)-☆

    RispondiElimina
  8. Mi piacerebbe tantissimo tornare a Yokohama! Vorrei visitare la fabbrica della Kirin e il museo del Ramen!

    RispondiElimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...