Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

giovedì 30 settembre 2010Aggiornato il:

Giappone 2010 - Hiroshima e Miyajima



Diario di viaggio in Giappone
14 agosto 2010

Stamattina prendiamo lo shinkansen che in poco meno di due ore ci porta a Hiroshima. Arrivati alla stazione ci procuriamo una cartina della città e la mappa dei trasporti. Subito fuori dalla stazione prendiamo il tram che in mezzora arriva al porto. Il cielo è un po’ grigio e sul tram siamo quasi tutti turisti. Abbiamo fatto anche qui il biglietto giornaliero per risparmiare un po’.

Tram a Hiroshima
Tram Hiroshima





Dal porto siamo saliti sul traghetto JR che in pochi minuti ci porta all’isola Miyajima. Con il nostro JR Pass non dobbiamo neanche fare il biglietto, basta mostrarlo al personale di terra. Da lontano vediamo il torii rosso nell’acqua, la porta del tempio più famoso dell’isola, e mi emoziono un po’ perché è davvero bellissimo.

Dal traghetto vediamo il torii del Tempio Itsukushima
Itsukushima

Scendiamo a terra e mentre mi guardo intorno mi sento tirare… Nooo! Un cervo si sta mangiando la mia cartina! Riesco a salvarne un pezzo e mi rendo conto che di cervi ce ne sono a decine!

Mentre lotto col cervo per salvare la cartina dell'isola...
Miyajima

arriva in mio soccorso un bimbo che lo distrae...la cartina è sbavata ma salva!
Miyajima


Sulla strada che porta al tempio si susseguono moltissime bancarelle di cibo da strada: salsicce, wurstel, pesci alla griglia, uova, di tutto di più. C’è molta gente appostata sotto il torii, e i traghetti scaricano migliaia di persone, quasi tutte in kimono: questa sera ci saranno i fuochi d’artificio!

Bancarelle sul lungomare
Miyajima

Case tradizionali e turisti
Miyajima

Un bellissimo cervo
Miyajima

Vie piene di negozi e turisti
Miyajima

Canoa turistica
Miyajima

La porta del Tempio
Miyajima

Il Tempio Itsukushima
 Itsukushima

Natura a Miyajima
Miyajima

Fiumiciattolo tra gli alberi
Miyajima


Camminiamo per un po’ in mezzo agli alberi seguendo le indicazioni per la funivia, la guida dice che c’è un bel sentiero che porta in cima al monte Misen, ma per risparmiare tempo si può salire in funivia per poi magari scendere a piedi (circa 2 ore, parola di Lonely Planet). Avrei qualcosa da ridire, soprattutto perché sotto il sole cocente (alla fine è uscito) e con un caldo pazzesco, i tempi per forza di cose si allungano. Per fortuna decidiamo di fare il biglietto andata e ritorno. La coda è lunghissima, finalmente tocca a noi e saliamo. La vista è mozzafiato, si attraversano gli alberi e si vede il mare, saliamo parecchio.

Funivia per il Monte Misen
Monte Misen


Cambiamo funivia e arriviamo a destinazione. C’è un bel punto di osservazione, le foto si sprecano. L’itinerario per raggiungere i templi e l’osservatorio in cima sulla cartina sembra molto breve (e forse lo è) peccato che ci sono da fare delle salite allucinanti! 
Riusciamo ad arrivare ai primi due templi dedicati all’amore: in uno si dice che porti bene a chi vuole avere figli, in un altro c’è il fuoco eterno (??). Il contesto è bellissimo, e ora che abbiamo ripreso fiato ci è tornato anche il buonumore (all’ultimo pezzo di salita secondo me Lore avrebbe voluto uccidermi e dare fuoco alla mia guida…). 
Decidiamo che la visita può tranquillamente terminare qui, arrivati a questo punto non ci sembra il caso di ammazzarci per salire in cima fino all'osservatorio, va benissimo così.

Panorama dal Monte Misen
Monte Misen

In cima alla salita parecchio faticosa troviamo alcuni templi
Monte Misen

Santuario dell'amore
Monte Misen

Il Tempio che protegge la fiamma sacra
Monte Misen

Ci siamo fatti un amico
Monte Misen


Torniamo a prendere la funivia e una volta scesi ci tuffiamo nelle viuzze piene di negozi. Ormai si cammina a fatica, l’isola è stracarica di gente. In un negozio fanno biscotti a forma di foglia d’acero, in vetrina ci sono i macchinari che trasportano i biscotti da un procedimento all’altro, fino ad arrivare ad una signora che li inscatola. Ne assaggiamo uno a testa, sono appena fatti, il ripieno alla crema è bollente. Sono molto buoni!! 
Mi piacerebbe tanto restare ma è ora di andare…

Buonissimi biscotti appena fatti
Miyajima

Una specialità di Miyajima: ostriche alla griglia
Miyajima

Coppiette in abiti tradizionali per i fuochi d'artificio
Miyajima


Traghetto e tram, il viaggio è lunghetto per arrivare al Parco della Pace di Hiroshima
La visita mi butta in uno stato d’animo difficile da spiegare. Le emozioni sono forti, e devo dire che ho buttato giù più volte un nodo alla gola che non mi faceva neanche più parlare. Il parco è molto grande e c’è un silenzio irreale, che porta con sé tutto il rispetto e il ricordo delle vittime di un’atto atroce. 
L’edificio rimasto incredibilmente in piedi è un ammasso di lamiere contorte che sembra gridare di dolore. Intorno ci sono statue di bambini ricoperte di origami (le gru che faccio sempre anch’io con qualunque pezzo di carta che mi capita sotto mano, ma qui hanno un significato molto più profondo), le targhe tengono vivo il ricordo, molte persone sono venute fino qui per salutare chi non c’è più e piangono vicino al Memoriale della Pace.

Tantissimi origami colorati
Hiroshima

Cenotafio per le vittime della bomba atomica
Hiroshima

Le targhe sotto il monumento commemorativo, in tutte le lingue
Hiroshima

L'edificio che ha resistito alla bomba
Hiroshima


Lasciamo questo posto e ci incamminiamo ancora un po’ pensierosi lungo il corso principale. Prendiamo il tram per tornare alla stazione, è abbastanza pieno ma trovo posto a sedere. Compriamo qualcosa da mangiare, è ora di cena e ci aspettano 2 ore per tornare a Osaka
E’ stata una giornata intensa, abbiamo come al solito camminato come due matti e siamo un po’ stanchi. Mi sarebbe piaciuto stare una notte qui ma sono felice di tutte le cose che ho visto. Arriviamo a Osaka che è tardi, ceniamo in casa con ramen in scatola! L’aspetto inganna, devo dire che sono buoni!

Domani è Ferragosto, e l’idea di passarlo qui in Giappone mi esalta!

Cena in casa: ramen istantaneo e birrozzo
Japanese food

Il mio un po' cipolloso....
Japanese food

...e quello di Lore piccantino!
Japanese food








---------------------------
Info pratiche:

Il treno Osaka - Hiroshima impiega circa 90 minuti.
Controllare gli orari su Hyperdia.

Arrivare a Miyajima:
Dalla stazione di Hiroshima bisogna prendere il tram Hiroden fino a Miyajimaguchi Station (ci impiega circa un'ora e passa dal Parco della Pace dove si può fare una tappa in andata o al ritorno). Seguire le indicazioni per Miyajimaguchi Pier (1 minuto a piedi).
Il biglietto giornaliero per il tram costa 600 yen. Col JRPass il traghetto JR è libero.

Funivia Monte Misen Miyajima: 1000 yen solo andata - 1800 yen andata e ritorno.

Mappe e info dettagliate le mio post dedicatogattosandro-viaggiatore.blogspot.it/miyajima-e-hiroshima.html

Mappa tram Hiroshima: www.hiroden.co.jp/en/s-routemap.html
Sito turistico Miyajima: www.miyajima.or.jp/english/access/access.html
---------------------------


2 commenti:

  1. ClixSense is a very popular work from home website.

    RispondiElimina
  2. Get daily ideas and guides for earning THOUSANDS OF DOLLARS per day ONLINE totally FREE.
    GET FREE ACCESS TODAY

    RispondiElimina

Consigli? Commenti? Mi piacerebbe molto sapere cosa ne pensate.

(Mi trovo costretta a inserire temporaneamente la moderazione ai commenti dei post più vecchi per tenere a bada lo spam. Abbiate pazienza, lo tolgo appena riesco a risolvere il problema).


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...