Icona-facebook Icona-google+ Follow Me on Pinterest Icona-facebook

Pagine

mercoledì 5 luglio 2017Aggiornato il:

Mangiare cinese (vero) a Torino

La nostalgia è una brutta bestia. Ieri sera, appena sono entrata nel ristorante cinese vicino casa mia mi è sembrato di ritrovarmi di colpo tra gli hutong di Pechino. Cosa può fare un odore, ha il potere di farti saltare in mente ricordi nascosti.

Il posto in questione è un piccolo bar all'inizio di via Cibrario a Torino. Cucina autentica cinese, alcune specialità del nord e del sud, un menu tradotto in un italiano approssimativo, una scelta abbastanza ristretta (che è sempre un bene) e il classico ambiente spartano che piace a me.

Uova marinate in salsa di soia

martedì 20 giugno 2017Aggiornato il:

Quel bisogno fisico di vedere il mare

Titolo: Friccheggiare al mare. 
Sottotitolo: Cronaca di una 24 ore di follia.
Avvertenza: La gradazione alcolica di questo post è molto elevata, si sconsiglia la lettura ai minori di 18 anni e agli astemi.


Metti una mattina in cui ti alzi presto perché il caldo non ti fa dormire.
Vai sul balcone in cerca di una frescura che non c'è.
Guardi il panorama dal balcone e pensi che sarebbe bellissimo se ci fosse il mare al posto dei palazzi.
Immagini. Mare. Non fai in tempo a ripetere la parola mare che sei già in macchina.
Via dall'afa, dallo smog, dai pensieri.

Nessuna meta in particolare, ci ritroviamo a Spotorno praticamente per caso, e si rivela una scelta molto ma molto fortunata.

Il bisogno fisico di riempirmi gli occhi di blu

sabato 3 giugno 2017Aggiornato il:

Gita nelle Langhe



Come raccontavo qui, ho approfittato di un cofanetto regalo per staccare un po' la spina e per concedermi una rilassante gita nelle Langhe. Partiamo da Torino in tarda mattinata e arriviamo ad Alba poco dopo l'ora di pranzo, pausa caffè lungo la strada inclusa (in totale non sono neanche 70 km).

Parcheggiamo e troviamo subito il B&B, che tra l'altro ha un nome diverso da quello indicato sulla prenotazione, ma non c'è nessuno, forse siamo troppo in anticipo. Comunque ho un certo languore perciò proseguiamo dritto per qualche metro e ci fermiamo a mangiare qualcosa in Piazza Ferrero, dove ci sono locali accoglienti e tanti tavolini all'aperto. La giornata è splendida e fa piuttosto caldo.

Due calici di vino e taglieri misti, per cominciare bene la vacanza.

mercoledì 31 maggio 2017Aggiornato il:

Cofanetti sì o no? La mia opinione

Avevo bisogno di staccare la spina, e c'era quel cofanetto regalo che mi guardava speranzoso da mesi. Ora, i cofanetti sono un buon motivo per cambiare aria (scadono, dunque è bene usarli o vanno persi) ma spesso diventano anche una consistente palla al piede (sei obbligato a scegliere tra le proposte offerte, che non sempre incontrano i tuoi desideri).


Il cofanetto in questione, nello specifico, è Wonderbox Mille e una notte d'evasione, che prevede una notte più colazione in tantissime strutture in Italia e all'estero (Spagna, Portogallo, Francia) e ad una prima occhiata sembra esserci una vasta scelta. Prezzo sul sito € 74,90.


Ok, voglio staccare la spina, facciamo un viaggetto e già che ce l'abbiamo usiamo il cofanetto.
Mi metto a cercare qualcosa non troppo lontano da casa, in modo da sfruttare la notte in regalo e tornare il giorno dopo, o cerco qualcosa di più distante, valutando il budget per le notti extra?
Opto per la prima opzione, toccata e fuga "vicino" casa.

giovedì 25 maggio 2017Aggiornato il:

Sapori in viaggio: la mia top ten (più un extra)

Non è una novità, l'aspetto culinario dei luoghi che visito è molto importante per me. Che si tratti di cucina tradizionale, street food o cibi particolari, trovo che sia bello tuffarsi nelle abitudini di un luogo attraverso i suoi sapori, e molto spesso la cucina locale influenza il mio giudizio complessivo sul viaggio.

Sono una buona forchetta (lo ero, in questo periodo per una serie di motivi sono calata di una taglia e mi sto concedendo ben pochi piaceri della tavola, purtroppo) ma ho i miei gusti. Così oggi voglio fare un giro tra i ricordi raccontandovi i miei piatti preferiti scoperti e gustati durante i miei viaggi (Italia esclusa, altrimenti avremmo vinto facile).

Sono dieci piatti ma non è una classifica, preferisco elencarli come se facessero parte di un grande (e abbondante, mooolto abbondante) menu.

giovedì 18 maggio 2017Aggiornato il:

Ci sono

Quasi un mese senza pubblicare niente. Ogni giorno apro il blog, scrivo, cancello, lascio in bozza e rimando. Ho aperto questo piccolo spazio sette anni fa con un entusiasmo che è rimasto costante nel tempo, alimentato da tante cose positive che mi sono accadute e che ero orgogliosa di condividere.

In questi giorni ho pensato molto a quanto mi ha resa felice viaggiare e condividere le mie esperienze, e se negli ultimi tempi non ci riesco più devo accettare il fatto che forse non è un buon momento, succede. Direi quasi che ho il blocco dello scrittore, se non fosse che a) non sono uno scrittore - b) scrivo anche più di prima, ma qualcosa mi ferma un attimo prima di cliccare su "pubblica".